Sergio Pillitteri, presidente dell’associazione “Per la città che vorrei”: «I nostri libri nel luogo del sapere»

Libri di letteratura, saggi, testi didattici, di narrativa, autobiografici e socio-politici. Sono soltanto alcuni dei volumi della biblioteca dell’associazione “Per la città che vorrei” che sarà inaugurata martedì 24 gennaio alle 17 all’istituto comprensivo Salvatore Raiti di Siracusa. 

Il direttivo di “Per la città che vorrei” ha infatti deciso di trasferire la biblioteca, che negli anni si è arricchita di pubblicazioni del territorio davvero interessanti e utili per tutti, dalla sede dell’associazione all’istituto scolastico di via Pordenone.

«Una precisa volontà - spiega Sergio Pillitteri, presidente dell’associazione "Per la città che vorrei" - che intende rendere onore al sapere, all'importanza della lettura, al valore dei libri come volano di sviluppo culturale per le nuove generazioni e per l’intera comunità cittadina. La nostra biblioteca sarà infatti resa fruibile ai giovani, al mondo della scuola e alle famiglie. Piccole idee possono diventare grandi - conclude Pillitteri - avviciniamo un patrimonio culturale e letterario nel luogo del sapere, della conoscenza, della responsabilità e della crescita e per questo ringraziamo la dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Raiti, Angela Cucinotta, per aver accolto la nostra proposta».