Lions Catania Faro Biscari: Globesity, progetto a favore delle mamme di Librino

Giovedì 23 ottobre, alle ore 20,00  all’Hotel Nettuno, ci sarà il Meeting di Apertura del Lions Club Catania Faro Biscari. Il tema del convegno: “Progetto Globesity, alimentazione e salute per le mamme di Librino”.

Catania – Il tema di studio Nazionale 2014-2015 dei Lions è “Nutrire il pianeta, energia per la vita. Qualità, sicurezza, educazione alimentare e adozione di stili di vita salutari”. Il Lions Club Catania Faro Biscari, rappresentato dal suo presidente Col. med. dott. Vincenzo Stroscio, è sensibile alle tematiche inerenti alla salute sia delle persone che dell’ambiente, quindi, inaugura l’anno sociale con il tema della Globesity. Un progetto pilota coordinato dal Servizio 2 Promozione Salute dell’Assessorato Regione Sicilia e svolto dal SIAN dell’Asp di Catania e dalla Fondazione Food Education Italy. Il progetto ha come finalità il miglioramento dello stato di salute attraverso la promozione del movimento e di adeguate abitudini alimentari, rivolto  a mamme che vivono in zone disagiate della città.

A dare l’indirizzo di saluto ci sarà il presidente del tema di studio nazionale, dott. Luigi Savarino. Seguiranno le relazioni del dott. Salvatore Requirez, Dirigente servizio 2 Promozione salute Regione siciliana sull’educazione alimentare nell’ambito del nuovo piano nazionale prevenzione; invece, di dieta mediterranea, globalizzazione e globesità disquisirà il dott. Francesco Leonardi, vice presidente della Fondazione Food Education Italy e, infine, la dott.ssa Elena Alonzo, direttore Sian Asp CT che illustrerà agli intervenuti il “progetto per la salute delle mamme“. Il convegno sarà moderato dal presidente dott. Enzo Stroscio mentre le conclusioni saranno affidate al governatore del Distretto Lions Sicilia 108 Yb, ing. Salvatore Ingrassia.

Ma cos’è Globesity? Questo termine nuovo, è stato coniato dall’Organizzazione mondiale della Sanità che mette in evidenza una prevalenza di soggetti affetti da sovrappeso/obesità con un trend in preoccupante crescita. Purtroppo, si parla di milioni di persone  con numerosi chili di troppo. Queste ultime patologie sono frutto del benesssere, ma non solo, anche della disattenzione familiare. Quindi, il cibo rappresenta un bene rifugio. L’Asp di Catania ha avviato questo progetto pilota di prevenzione primaria per arginare questo fenomeno, che molte volete sfocia in altre malattie come il diabete tipo 2, la cardiopatia ischemica e, alcuni tipi di tumori, comportando un elevato carico di costi socio-sanitari.

Da alcuni studi si è dimostrato che le fasce di popolazione più disagiate sono più spesso coinvolte dell’emergenza obesità con le relative complicanze. Quindi, l’Azienda sanitaria di Catania arruolerà un gruppo di 60 soggetti di sesso femminile, di età compresa tra 18 e 40 anni, con figli di età  tra i 3 e i 10 anni, residenti in area metropolitana disagiata del Comune di Catania. Il fine ultimo è quello di migliorare lo stato di salute con sane abitudini alimentari e, realizzare un percorso operativo pratico-esperienziale, condiviso e efficace, da offrire alle mamme, con il risultato di ricadute positive sul loro nucleo familiare. Inoltre, al 50% del campione sarà offerto un percorso motivazionale breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *