Tennis, US Open: Pennetta nella storia, battuta la Vinci nella finale di Flushing Meadows

Il derby pugliese nella finale del torneo americano è di Flavia, che batte la connazionale 2-0. La Pennetta sul tetto del mondo. Purtroppo soltanto una poteva vincere, ed è stata Flavia, onore a Roberta Vinci. 

Flavia Pennetta è nella storia del tennis.
Nella finale di Flushing Meadows la brindisina si aggiudica la vittoria del quarto e ultimo slam della stagione, riuscendo ad avere la meglio su Roberta Vinci con un punteggio di 7-6,6-2. Davanti a oltre 23 mila spettatori, tra cui il premier Matteo Renzi e il presidente del CONI Giovanni Malagò, si assiste a una buona partenza da parte Flavia che dopo essersi portata sul 4-2 subisce però la rimonta dell’avversaria fino al 5-5.Nel game successivo la Vinci si porta addirittura sul 40-0, vedendosi però annullare clamorosamente il margine accumulato per poi perdere ai vantaggi ed andare sotto, 6-5. La Pennetta vince poi il tie-break per 7-4 e chiude un meraviglioso primo set, trovandosi in vantaggio per 2-0 nella seconda parte di gara. Nonostante un timido tentativo di reazione di Roberta, Flavia controlla tranquillamente la gara fino al definitivo 6-2, che la proclama vincitrice dello US Open 2015 nonchè prima italiana nella storia a riuscire nell’impresa.
Al termine della gara le parole della campionessa che annuncia: “Mi ritiro a fine anno". Nell'intervista subito dopo il trionfo Flavia ha detto: "Non potevo sognare di chiudere il mio ultimo Us Open, il mio ultimo match così”.  
La sconfitta di Roberta Vinci non cancella, ovviamente, quanto di buono fatto dalla tarantina in tutto il resto del torneo, tra cui l’incredibile trionfo ai danni della favorita e, oltretutto, padrona di casa Serena Williams.
Il cielo sopra New York si è tinto di azzurro per una sera e, parecchi anni dopo, un altro italiano conquista il territorio americano. 

Renzi
: "Una comunità nazionale vive anche di emozioni non solo di statistiche. Grazie Flavia, grazie Roberta ‪#‎vivalitaliaviva".

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *