Teatro Bellini, nuovo calendario dei concerti di gennaio. Si riparte con Beethoven e Dvořák

La Sinfonia "Dal Nuovo Mondo" di Dvořák, il concerto per violino di Beethoven, le romanze da salotto di Francesco Paolo Tosti: sono solo alcune delle proposte in arrivo con i concerti che si terranno in gennaio al Teatro Massimo Bellini e vedranno protagonisti direttori e solisti di chiara fama. 
Cresce dunque l'attesa per un'offerta musicale davvero attraente e di alta qualità, opportunamente rimodulata nel calendario, che risulta spalmato su più date per ragioni di prudenza, al fine di garantire il distanziamento e la sicurezza del pubblico che assisterà agli appuntamenti del ricco cartellone di recupero della Stagione sinfonica.
In particolare, il Turno B sarà suddiviso in due repliche, distinguendo gli abbonati in base alla numerazione - pari o dispari - dei posti che hanno scelto al momento di sottoscrivere l'abbonamento. Il criterio fa riferimento al numero riportato nei palchi, come a quello indicato nelle poltrone in sala. Lo stesso vale per la galleria, ma con un correttivo adottato per non disgiungere le coppie e i gruppi familiari, che potranno accedere anche qualora le poltrone loro assegnate includano cifre sia pari che dispari.
Con queste misure sarà ancora più sicuro e confortevole godere della musica dal vivo nonostante il perdurare dell'emergenza sanitaria. Anche chi non è abbonato potrà naturalmente assistere ai concerti, acquistando il biglietto al botteghino.
Ecco nei dettagli la sequenza aggiornata dei prossimi eventi. Il concerto inizialmente annunciato per il 15 gennaio (Turno A) e 16 gennaio (Turno B) verrà riprogrammato come segue. Il Turno A serale delle 20.30 sarà anticipato al 14 gennaio, mentre  il Turno B pomeridiano delle ore 17.30 sarà suddiviso in due repliche, riservando l’ingresso il 15 gennaio agli abbonati con i posti di numerazione pari e il 16 gennaio a quelli con numerazione dispari.
L'Orchestra sarà diretta dal maestro Michelangelo Mazza, violino solista Giovanni Andrea Zanon. Di forte impatto la locandina che proporrà pagine del grande repertorio. La prima parte sarà infatti dedicata a Beethoven, con l'ouverture delle musiche di scena scritte per "Egmont" di Goethe e il Concerto in re maggiore per violino e orchestra op.61. Nella seconda potremo ascoltare la Nona sinfonia in mi minore op. 95 di Dvořák, il cui titolo si riferisce appunto al Nuovo Mondo, il continente americano, essendo stata concepita quando il compositore ceco era approdato negli Stati Uniti, assorbendo le contaminazioni della musica autoctona.
Allo stesso modo varia parzialmente la  programmazione del concerto previsto in origine per il 21 gennaio (Turno A) e il 22 gennaio (Turno B). Per il Turno A sarà mantenuta la data del 21 gennaio alle ore 20.30, mentre il Turno B delle ore 17.30 sarà distribuito su due repliche: il 20 gennaio per gli abbonati con numerazione pari del posto e il 22 gennaio per quelli con numerazione dispari. Sul podio il maestro Carlo Rizzari, che con la compagine orchestrale del Bellini darà vita a celeberrime pagine sinfoniche di Mozart (la "Sinfonia di Praga") e Schumann (la "Renana"). Autentica chicca il Concerto per due fagotti e orchestra di Vanhal, con la partecipazione dei solisti Angelo Valastro e Francesco Zanetti.
Si svolgerà invece regolarmente il recital del 23 gennaio (solo Turno A, ore 20.30), che vedrà protagonista il baritono Francesco Vassallo accompagnato al pianoforte dal maestro Gaetano Costa: un viaggio nelle atmosfere liberty che si riflettono nelle raffinate melodie delle canzoni di Francesco Paolo Tosti. Anche per questo recital, chi non è abbonato può acquistare il biglietto serale al botteghino,
che sarà aperto dal martedì al sabato dalle ore 10.00 alle 13.00 e mercoledì e giovedì anche dalle 16.00 alle 18.00 (tale apertura pomeridiana non avverrà se è programmato uno spettacolo la stessa sera).
Va infine ricordato che, come da normativa vigente, l’accesso in Teatro sarà consentito solo previa esibizione di Certificazione verde Covid-19 di avvenuta vaccinazione o di avvenuta guarigione (Super Green Pass o Green Pass rafforzato), come previsto dal Decreto- Legge 24 dicembre 2021 n. 221; è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2. Info: teatromassimobellini.it