Raia e Albanella: “Necessario tutelare i teatri siciliani”

“Il teatro Stabile di Catania, cosi come il Teatro Biondo di Palermo, ha tutti i requisiti per essere annoverato tra i teatri nazionali, avendo lavorato con passione e avendo prodotto negli ultimi anni spettacoli pluripremiati e campioni d’incasso in tournée e riconosciuti tra i teatri più antichi di Italia”.

Lo dichiarano in una nota congiunta le parlamentari del partito democratico Luisa Albanella, Camera dei Deputati, firmataria di una interrogazione al Ministro, e Concetta Raia, Ars.

“Il Teatro Stabile di Catania in oltre mezzo secolo ha scritto pagine importanti della storia del teatro italiano e negli ultimi anni ha agito sul territorio come un vero e proprio istituto di cultura e ha affrontato, nonostante la crisi, le ultime stagioni con l’impegno di soddisfare tutti i parametri richiesti dal decreto ministeriale, verificando con orgoglio di poterli attuare - dichiarano -  per questi motivi risulta incomprensibile il mancato riconoscimento”. 

“Vogliamo sapere – chiede  Albanella nell’interrogazione –  quali siano state le reali motivazioni che hanno escluso il Teatro Stabile di Catania e il Teatro Biondo di Palermo tra i teatri nazionali, avendo questi lavorato per soddisfare tutti i parametri richiesti dal decreto ministeriale”.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *