Catania. Momenti di tensione e di paura scatenati da una donna furente e seminuda

Stamattina nella via Etnea alta di Catania, intorno alle 11.30 e all’altezza del civico 724, in zona dell’Istituto Ardizzone Gioeni - via Ingegnere, si è sfiorata la tragedia.

Una donna, sposata e madre di due bambini, con precedenti turbe psicotiche, in abbigliamento succinto, lanciava dal balcone oggetti e suppellettili in strada, creando momenti di panico nei passanti e negli automobilisti in transito nella rinomata via catanese, creando anche danneggiamenti alle autovetture parcheggiate al lato della strada.

La protagonista, quasi nuda, e in preda a palese stato di agitazione, urlando e profferendo frasi incomprensibili verso il marito, lanciava in strada, dal balcone del terzo piano del palazzo dove dimorava, innumerevoli oggetti, vasi e piante, stendini, vestiti, mobili e una culla di bambino fortunatamente vuota.

Accorrevano numerosi curiosi che filmavano la scena della donna in slip e il momento del lancio dal balcone di una miriade di oggetti.

Immediatamente sul posto intervenivano gli Agenti di Polizia, i Vigili del Fuoco e i Vigili Urbani che mettevano fine all’inconsueto lancio di oggetti, mettendo in sicurezza la viabilità stradale in entrambe le direzioni e, con l’intervento dei sanitari del 118, assicuravano la stessa alle cure mediche prima del formale interrogatorio accertativo dei fatti nei suoi confronti. Veniva prontamente rintracciato il marito. La donna veniva successivamente accompagnata in un luogo di cura ospedaliera.

All'interno del TG di Globus Television il servizio sull'evento

Sconosciuti sono i motivi di tale inconsulto gesto, ma sembrerebbe che questa scena di autentica follia sia legata attendibilmente a dissapori familiari, all'allontanamento del marito con i figli e alla supposta scoperta di un tradimento dello stesso coniuge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *