CASTROVILLARI-ACIREALE 2-2: UN ACIREALE INCEROTTATO, LA RIPRENDE E RISCHIA IL COLPACCIO

Un Acireale che si presenta al “Mimmo Rende” di Castrovillari, con diversi uomini OUT. Infatti, oltre ai già citati Lodi e di Savanarola, che comunque parte dalla panchina, si aggiungono anche quelle di Brumat che si infortuna durante il riscaldamento e Tumminelli che accusa dei dolori all'adduttore e il tecnico preferisce non rischiarlo tenendolo in panca.

In campo cosi dal primo minuto De Sanzo schiera il giovane Garetto, preferendolo a Joao Pedro, anche lui in fase di recupero dopo un lungo infortunio, ma l’assenza di diversi uomini chiave e la voglia di far bene del Castrovillari complicano i piani dei granata.

Il Castrovillari infatti, è molto aggressivo ci tiene a fare bella figura, contro il più quotato avversario e il suo pressing a tutto campo, mette in grande difficoltà i granata.

I “Lupi del Pollino” infatti sono padroni del campo e soprattutto li in mezzo, le qualità di Cosenza e Teyou spiccano tra tutte.

Pressa il Castrovillari e Tiripicchio dal limite con una forte botta destinata all'incrocio, costringe al 16’ D’Alterio a una super parata che spedisce la sfera in angolo.

L’Acireale ci prova con difficoltà, i propri attaccanti nonostante l’impegno non riescono a far salire la squadra per alleggerire la pressione.

Fa però paura ai rossoneri al 27’, quando Russo tenta una incursione sulla destra e mette in mezzo per Ortolini che insacca, per l’arbitro però la posizione dell’Attaccante è giudicata irregolare, anche se resta il dubbio.

L’Acireale prova a prendere le contromisure, ma il Castrovillari riesce sempre prima ad arrivare su ogni pallone e viene premiato al 38’ quando è superbo Mazzotti, a partire dalla propria metà campo incontrastato, scambiare con un compagno e dal limite e pescare il Jolly con uno splendido tiro dal limite che si insacca all'incrocio dei pali.

Castrovillari meritatamente in vantaggio, che gestisce fino alla fine della prima frazione di gioco il vantaggio.

La ripresa inizia con lo stesso monologo del primo tempo, l’Acireale prova timidamente ad affacciarsi dalle parti di Aiolfi prima con Garetto e poi con Ortolini, ma gli uomini di Colle si difendono con ordine e provano a pungere in contropiede.

La partita si fa spigolosa e piena di falli, ne fanno le spese diverse giocatori che vengono ammoniti.

Al 63’ il Castrovillari raddoppia, su una punizione calciata magistralmente da Perri arriva il tapin vincente di Mancini che deposita in rete il pallone del due a zero tra la dormita generale della difesa granata.

La partita sembra virtualmente chiusa e a questo punto De Sanzo si gioca la carta Tumminelli e Savanarola, nonostante le precarie condizioni dei due.

La pressione dei granata, viene premiata al 69’ con il goal di Tumminelli, lesto a trovare la zampata giusta in area, che riapre al contesa.

Il Castrovillari accusa il colpo, dopo aver speso tanto, e l’Acireale diventa padrone del campo alla ricerca del pari.

I granata assediano l’avversario, con Tumminelli che diventa assoluto protagonista della contesa quando pennella al 79’ un cross al bacio per Russo che ringrazia e deposita in rete la palla del due a due.

L’Acireale adesso vuole vincere, e sul finire ci provano prima Correnti e poi Piccioni, ma non riescono a trovare la porta.

Clamorosa l’occasione che capita al 94’ a Correnti che su una pennellata di Savanarola, tutto solo davanti a Aiofi spedisce di testa, alto.

E’ l’ultima occasione, l’arbitro spedisce le squadre negli spogliatoi.

Alla fine il pari è il risultato più giusto, perché accontenta l’Acireale che fino a mezzora dalla fine era sotto di due reti, e il Castrovillari che alla fine poteva anche perdere la partita se le occasioni dei granata sarebbero state sfruttate a dovere.

IL TABELLINO:

CASTROVILLARI: Aiolfi; Strumbo, Mazzotti, Perri; Cinquegrana (63' Dibari), Mancini (73' Mastropietro), Cosenza, Azzaro (84' Rodi); Anzillotta, Tripicchio, Teyou. A disp.: Saglietti, Toziano, De Lorenzo, Pittari, Liguori, Faye,  All. Colle.

ACIREALE (3-4-1-2): D’Alterio; Cannino (71' Mustacciolo), Figliomeni, Cadili; Correnti, Cristiani, Garetto (53' Tumminelli) , Todisco; Russo; Ortolini (61' Savanarola), Piccioni. A disp.: Ruggiero, Esposito, Giordano, De Pace, Cesarano, Brumat, Joao Pedro. All. De Sanzo.

ARBITRO: Cosseddu di Nuoro (Dell’Isola-Ambrosino).

MARCATORI: 38' Mazzotti, 63' Mancini, 69' Tumminelli, 79' Russo

NOTE: ammoniti: Strumbo, Mazzotti, Mancini, Garetto, Cannino, Cinquegrana

In sala stampa si presentano entrambi i tecnici, parla prima il tecnico dei granata De Sanzo che è contento per il punto conquistato, ed evidenzia le enormi difficoltà avute a causa dei diversi infortuni. Nonostante tutto, ci tiene a precisare, che i ragazzi che sono scesi in campo hanno comunque disputato un ottima partita, nonostante le disattenzioni che hanno causato i goal della squadra locale. La reazione è comunque degna di una grande squadra, ma c’è ancora tanto da lavorare.

Dall'altra parte soddisfatto nonostante il pari e il doppio vantaggio, il tecnico dei rossoneri Colle, che rende merito all'Acireale e alla sua forza ed è contento della prestazione dei suoi che sono stati perfetti per sessanta minuti di gioco. Evidenzia che la società è al corrente che la squadra deve essere ancora completata ma che comunque dispone già di ottime individualità per poter ambire a una salvezza tranquilla.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *