Stefania Sandrelli: sedotta e abbandonata

Sedotta e abbandonata, di Pietro Germi, l’attrice per un lungo periodo si troverà in Sicilia per le riprese del film. In quell’occasione il suo rapporto con Gino Paoli diventa difficile, al punto che, il cantante annebbiato dall’abuso di alcol, si ferisce con la pistola.

Stefania_Sandrelli_1

Stefania Sandrelli, classe 1946, nasce a Viareggio, ma la sua vita sarà in giro per l’Italia grazie al suo ruolo di attrice nel mondo cinematografico italiano. La sua avventura, nel cinema, nasce quasi per caso per uno scatto fotografico rubato, finito nel settimanale “Le Ore”. A 16 anni inizia una storia d’amore ingarbugliata con il cantante Gino Paoli, lui era già sposato. E, nel 1964, nasce la loro figlia Amanda. Stefania inizia la sua carriera cinematografica come protagonista nei film: “Gioventù di notte” di Mario Sequi e Il federale” di Luciano Salce. Però, i veri successi arriveranno con “Divorzio all’italiana e Sedotta e abbandonata. Durante le lavorazioni del lungometraggio Sedotta e abbandonata, di Pietro Germi, l’attrice per un lungo periodo si troverà in Sicilia per le riprese del film. In quell’occasione il suo rapporto con Gino Paoli diventa difficile, al punto che, il cantante annebbiato dall’abuso di alcol, si ferisce con la pistola. La Sandrelli accorre al suo capezzale, ma il loro rapporto finisce dopo il tradimento di Stefania con l’attore Gerard Depardieu. Nel 1972 sposa lo sportivo Nicky Pende, un matrimonio che dura appena quattro anni e un figlio nato nel 1974. La carriera artistica dell’attrice è in pieno decollo grazie ai tanti film di successo, soprattutto dopo il discusso film “La Chiave “ di Tinto Brass, era in pieno decennio ottanta. La pellicola ha un grande successo di pubblico e mostra il lato più trasgressivo di Stefania. Sempre nel 1983 inizia una storia d’amore con Giovanni Soldati, figlio dello scrittore Mario Soldati. Con Giovanni lavorerà né “I racconti del maresciallo”, tratto dall’omonimo romanzo del padre. Storia d’amore senza crisi a tutt’oggi. Stefania sforna altri successi cinematografici accanto a colleghi internazionali. Riceve premi importanti, tra David di Donatello e Nastri d’Argento, e il Leone d’Oro alla carriera nel 2005 alla 62ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *