R.I.P Carlo Giuffrè, grande attore di teatro e di cinema

E’ morto Carlo Giuffré, avrebbe compiuto 90 anni tra un mese. L’attore era nato a Napoli il 3 dicembre 1928 ed è noto al grande pubblico anche per il suo sodalizio artistico con il fratello Aldo, scomparso nel 2010. Con la sua morte scompare un pezzo di Napoli. In lutto il mondo del tetro

Teatro in lutto, è morto Carlo Giuffrè

Carlo Giuffrè si è diplomato all’Accademia nazionale d’arte drammatica, iniziando poi a lavorare con il fratello Aldo in teatro nel 1947. Due anni dopo la coppia debutta con Eduardo De Filippo, inaugurando una lunga collaborazione.
Nel 1963 entra nella Compagnia dei giovani: Giorgio De Lullo, Rossella Falk, Romolo Valli ed Elsa Albani. Resterà con loro per otto anni. Tra i testi rappresentati, “Sei personaggi in cerca d’autore” di Pirandello, “Tre sorelle” di Cechov, “Egmont” di Goethe.

In una fase più matura della sua carriera, insieme al fratello Aldo si avvicina di nuovo al repertorio di Eduardo mettendo in scena, anche come regista, “Le voci di dentro”, “Napoli milionaria!”, “Non ti pago” e “Natale in casa Cupiello”. Prestigiose anche le sue apparizioni sul grande schermo, da “La ragazza con la pistola” di Mario Monicelli (1968) al “Pinocchio” di Roberto Benigni (2002), in cui interpreta il ruolo di Geppetto.

Negli anni ’70 diventa celebre per la sua partecipazione alle così dette commedie sexy: tra queste, “La signora è stata violentata!” del 1973 e “La signora gioca bene a scopa?” del 1974. Attivo anche in televisione, partecipa agli sceneggiati “Tom Jones” (1960) e “I Giacobini” (1962). Nel 1971 presenta il Festival di Sanremo.

Nel 2007, in occasione della consegna del tributo alla carriera assegnatogli dal “Premio Eti – Gli olimpici del teatro”, Carlo Giuffrè viene insignito del titolo di Grande Ufficiale dal Presidente della Repubblica: quell’anno porta in scena un altro classico di Eduardo, “Il sindaco del rione Sanità”.

L’ultima sua apparizione sul palco è del 2015, con l’adattamento teatrale del film di Steven Spielberg “Schindler’s List”. L’ultima interpretazione al cinema è invece nel 2016, nel film di Vincenzo Salemme “Se mi lasci non vale”.

Numerosi i messaggi di cordoglio per la scomparsa di Giuffè, fra i primi a ricordare l’artista il sindaco di Napoli Luigi de MAgistris. Gianfranco Gallo, attore teatrale noto per la recente partecipazione nella serie Gomorra, racconta un aneddoto che l’ha legato all’attore scomparso oggi. “Ci ha lasciato Carlo Giuffrè. Si divise la fame con mio padre (Nunzio Gallo), erano giovanissimi. Poi sempre amici. Tutti e due del 1928, tutti e due grandi napoletani. Di lui ho un ricordo divertentissimo. Cenammo a casa dei miei, poi lo riaccompagnai in un Hotel sul lungomare. Siccome non aveva sonno, mi chiese di accendere l’autoradio, voleva sentire il “Mago” Gennaro D’Auria, si scompisciava dalle risate. Mi disse che lo faceva tutte le notti quando, come tutti gli attori, non riusciva a prendere sonno dopo la scarica di adrenalina della recita. Mi fece fare le 03,00. Sagittario lui, sagittario io! Quanto ridemmo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *