Cedifop. Offerte di lavoro per gli iscritti al Repertorio Telematico della Subacquea Industriale

OFFERTE DI LAVORO PER I COMMERCIAL DIVER. Importante oggi l'offerta di lavoro specialistico per gli operatori del settore professionale della Subacquea Industriale nel rispetto del decreto legislativo 81/08 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Dopo la creazione del "Repertorio telematico subacquea industriale", presso l'Ass. al Lavoro, in base alla LEGGE 21 aprile 2016, n.7. "Disciplina dei contenuti formativi per l’esercizio delle attività della subacquea industriale", con titoli riconoscibili ai sensi della direttiva 2005/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005 sull’intero territorio comunitario, e successivo regolamento tramite il Decreto Presidenziale 7 dicembre 2018, n.31, diverse ditte ci hanno contattato per chiederci operatori iscritti nel repertorio telematico. A partire dalla data dell'8 luglio 2020 ad oggi, abbiamo ricevuto ben 41 offerte di lavoro per un numero di circa 110 operatori del settore. Praticamente un numero di richieste superiore al numero di allievi che completano i percorsi formativi.

L'accesso a queste informazioni è possibile a tutti coloro che sono iscritti nel "Repertorio telematico subacquea industriale" pubblicato sul sito dell'Assessorato al Lavoro, come prevede la legge e si può visionare l'elenco degli iscritti, a prescindere dal luogo dove sono stati svolti i corsi di formazione professionale (Italia o Estero) a condizione che siano validi per la loro iscrizione nel repertorio telematico, sulla base di quanto prevede la legge 07/2016, cioè aver realizzato durante i percorsi formativi il numero di immersioni e attività in acqua previsti dal DPRS 31/2018, a pagina 7.

Chi ritiene di avere i requisiti, ma ancora non risulta iscritto, può presentare richiesta all'Assessorato al Lavoro della Regione Siciliana, autorità competente per l' "European Commission, Internal Market, Free movement of professionals, Regulated professions database" della UE, come prevede l'articolo 10.2 del DPRS  n. 31/2018 , che specifica che:

"Art. 10.: Coordinamento con il Repertorio delle qualificazioni e database comunitario

  1. Il Dipartimento regionale del lavoro, dell’impiego, dell’orientamento e dei servizi e delle attività formative, provvede entro il termine di 30 giorni all’adozione degli adempimenti necessari anche nei confronti dei competenti uffici ed organismi dello Stato per l’inserimento delle qualificazioni di cui al presente regolamento nel database tenuto dalla Commissione europea e pubblicato sul relativo sito internet per agevolare il riconoscimento delle qualifiche ai sensi della direttiva n. 2005/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005."

Per tutelare chi  indirizza queste richieste, a noi, da tutti i curiosi e da coloro che non hanno i requisiti richiesti, tutte le informazioni per il contatto, per chi ha i requisiti richiesti e per ogni singola richiesta lavorativa, sono stati pubblicati in un gruppo FB, appositamente creato: "Italian Commercial Diver (OFFERTE DI LAVORO PER I COMMERCIAL DIVER) accessibile a tutti coloro che risultano iscritti nel "Repertorio telematico subacquea industriale" dove vengono indicate le richieste delle varie ditte, esse sono accessibili a tutti coloro che hanno i requisiti necessari per accedere alle informazioni di contatto per ogni singola offerta di lavoro.

In pratica, non importa dove è stato realizzato il corso o i corsi, ma è fondamentale il raggiungimento delle immersioni previste dalla legge per poter ottenere l'iscrizione nel Repertorio Telematico, motivo che fino a questo momento ha creato una vera e propria "barriera" insuperabile per percorsi realizzati altrove. Solo gli iscritti al repertorio telematico possono vantare un percorso formativo o un bagaglio di immersioni ben preciso, realizzato durante gli anni o durante una serie di corsi di formazione professionale di qualità, con immersioni dimostrabili e certificate nel logbook individuale.

Infine non va dimenticato che la legge 07/2016 della Regione Siciliana sulle attività extraportuali, ad oggi risulta essere l'unico atto legislativo esistente in Italia per tutte le attività extraportuali, e quindi  essa va necessariamente presa in considerazione dalle ditte di lavori subacquei per la corretta applicazione del decreto legislativo 81/08 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *