Calcio Catania, le mille e più soluzioni offensive per Lucarelli

L’arrivo di Ripa offre al tecnico rossazzurro un’altra alternativa per il reparto offensivo, decisamente rinforzato in questo mercato. FullSizeRender

In primis serviva un tecnico di carattere, grintoso, forte e deciso. Poi una squadra all’altezza, arricchita da giocatori d’esperienza e di categoria e soprattutto che potessero offrire più alternative. Questi erano i “compiti per le vacanze” del Catania per questa stagione estiva, obiettivi che, almeno sulla carta, sono stati ampiamente centrati. La squadra messa a disposizione di Lucarelli infatti sembra davvero completa in ogni reparto e soprattutto offre all’ex allenatore del Messina la possibilità di avere diverse alternative per ogni ruolo, fattore chiave in un campionato duro come quello di serie C.

Anche in attacco – che nella passata stagione era stato il grande tallone d’Achille dei rossazzurri – Lucarelli avrà vita dura nel compiere le sue scelte, visto che ad oggi (salvo sviluppi di mercato) la formazione etnea vanta un parco giocatori in quel ruolo di grandissimo livello e soprattutto molto ampio. Sin dall’arrivo di Lucarelli a Catania si è ipotizzato l’uso del modulo 3-5-2.
Verosimilmente le due maglie davanti potrebbero giocarsele Ripa, Curiale, Anastasi, Pozzebon, Rossetti, Mazzarani, Di Grazia e Russotto (in rosa ci sarebbe anche Calil, ma difficile ipotizzare una sua permanenza o comunque un suo inserimento nella lista degli over).

Tante, tantissimi alternative. Magari all’inizio sembravano destinate a concludersi, almeno per il momento, le esperienze in rossazzurro di Pozzebon e Rossetti anche se, l’ottimo precampionato specialmente del giovane canterano rossazzurro, ha mischiato nuovamente le carte in tavola. Non è certa la permanenza, ma entrambi potrebbero anche rimanere nelle parti di Torre del Grifo. Inutile dire che ad oggi i favoriti a vestire i panni dei titolari sono i due neo-arrivati Curiale e Ripa, ma sarà poi il campo a dover dare le proprie sentenze.

Un po’ si potrebbe “sfoltire” girando alcuni dei candidati in altri ruoli. E’ facile pensare infatti che Lucarelli – come ha già fatto in più test amichevoli – possa inserire Mazzarani nella linea dei centrocampisti, con la speranza che lui e Caccetta possano creare pericoli coi loro inserimenti. Così come Di Grazia potrebbe essere utilizzato come esterno di centrocampo, pur dovendo in quel caso avere parecchia attenzione in fase difensiva. Non è da escludere anche che, visti gli uomini a disposizione, il tecnico possa virare su altre idee: un 4-3-1-2 potrebbe essere ad esempio una valida alternativa visto il potere offensivo dei rossazzurri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *