Calcio Catania, cuore e Lodi per tenere vivo il sogno Serie B

Oltre ventimila al Massimino per sostenere i rosso-azzurri nella sfida di andata contro il Trapani

61279980_2230171123685897_9080637384411840512_n

Ovviamente ci si aspettava di più. Questo pareggio, considerando il vantaggio da parte dei granata attraverso il miglior piazzamento in classifica, complica maggiormente le cose per i ragazzi di mister Sottil.

Termina 2-2 tra Catania e Trapani nel match di andata valido per il penultimo turno di questi play-off 2018/2019, i quali decreteranno quali saranno le altre due compagini che insieme a Pordenone, Entella e Juve Stabia si troveranno già tra qualche settimana in cadetteria.

Una partita che lascia l’amaro in bocca ai tifosi etnei, nonostante la rimonta da 0-2 a 2-2 nel corso della ripresa. Agli ospiti bastano due minuti nel primo tempo per mettere la sfida in discesa. Proprio Tulli, il quale aveva già punito i rosso-azzurri in campionato, sigla la rete che vale lo 0-1 grazie ad un gran destro a giro sul secondo palo ed un Pisseri ancora una volta piazzato in maniera del tutto sbilenca. Il contraccolpo psicologico negativo da parte della compagine ospitante si manifesta immediatamente. Il Catania non riesce ad avvicinarsi allo specchio della porta granata per circa venticinque minuti e, l’unico squillo positivo è il gol giustamente annullato (per posizione di fuorigioco) a Di Piazza. Il Trapani continua giocando palla in maniera spedita e con tre/quattro passaggi riesce a mettere in ginocchio la linea mediana etnea, quest’oggi incapace di sfruttare le ripartenze e creare superiorità numerica.

Nella ripresa Sottil fa subentrare Lodi al posto di uno spento Bucolo e Baraye al posto di Marchese. Le sostituzioni sembrano portare i loro frutti e sulla corsia di destra la velocità del senegalese riesce ad avvicinare il Catania agli ultimi sedici metri. Il Trapani c’è e vuole approfittare delle disattenzioni rosso-azzurre. Detto e fatto, su un abbaglio del reparto arretrato Ferretti trova la marcatura dello 0-2 e per i padroni di casa sembra non esser rimasto più nulla sul piatto.

Si barcolla ma non si molla. Sì, perché su un calcio di punizione da centrocampo è il numero 10 dell’elefante a trovare un gol che resterà negli annali di questa società. L’estremo difensore è lontano dalla propria porta e Ciccio Lodi non ci pensa due volte a scaricare un bolide dritto in fondo al sacco che riapre la partita e torna a dare morale ai ventimila presenti sulle tribune dal Massimino. Trascorrono i minuti e le speranze sembrano svanire momento dopo momento. Ma a tre minuti dalla fine l’episodio che cambia la parti. Manneh viene steso in area di rigore e per il direttore di gara non ci sono dubbi nell’assegnare il tiro dagli undici metri. Dal dischetto va ancora Lodi che con la freddezza di chi sa gestire questi momenti al cardiopalmo, spiazza il portiere e regala il 2-2 ai propri compagni di squadra.

Adesso domenica si giocherà a Trapani, dove non si potrà mollare nemmeno un centimetro. Un solo risultato su due per passare il turno e sicuramente i ragazzi di Sottil vorranno onorare al meglio questo finale di stagione…soprattutto dopo una rimonta simile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *