Lo spettacolo “Paolo e Giovanni” in scena sabato 19 gennaio al Teatro Naselli di Comiso

Terzo appuntamento al Naselli di Comiso – Sabato 19 gennaio in scena “Paolo e Giovanni” con Gianluca Barbagallo e Nicola Diodati Paolo e Giovanni

Sabato 19 gennaio alle ore 21.00 terzo appuntamento con la prima rassegna Teatro dell’Isola al Teatro Naselli di Comiso. A far seguito a “Il berretto a sonagli” e “Alta infedeltà” sarà “Paolo e Giovanni, spettacolo scritto da Gianluca Barbagallo, e interpretato dallo stesso Gianluca Barbagallo e Nicola Diodati ispirato alla vita di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.

I due attori ripercorrono in scena le fasi storiche dello sviluppo del fenomeno mafioso.
In una stanza del carcere di massima sicurezza dell’Asinara Giovanni Falcone e Paolo Borsellino passano insieme ventinove giorni: il tempo di preparare i documenti necessari ad istituire il primo maxi processo alla mafia. In questo luogo di costrizioni i due personaggi partendo dalle origini raccontano la nascita e lo sviluppo di quella che ancora oggi è un male incurabile: la mafia.

Parallelamente vengono ripercorsi quasi 150 anni della storia italiana e soprattutto di storia della Sicilia, che della mafia è stata la madre. Un racconto vivo, forte, un pugno allo stomaco per gli spettatori che assisteranno ad una rappresentazione – lezione immaginaria fatta da due eroi dell’era moderna, coloro che per il bene e amore dello Stato si sono issati a bersaglio dando la loro vita per il loro ideale e per il bene comune.

Uno spettacolo multimediale condito di video originali ed esclusivi e da musiche dal forte impatto emotivo.

Paolo e Giovanni” è il terzo degli appuntamenti con la prosa al Naselli di Comiso per la rassegna “Teatro dei Saitta”. La stagione proseguirà sabato 16 febbraio con “Un ladro per amico” di Giuseppe Speciale portato in scena dal Teatro Stabile Nisseno, “Gocce di memoria” di Maurizio Nicastro, “L’ora di Rosolini” di Raffaele Moncada ed il gran finale con “L’aria del continente” di Nino Martoglio, ancora con i catanesi Saitta.

Federica Susini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *