Mineo: il progetto per la creazione di una “Città dello sport”

Sarà presentato il progetto per la creazione di una “Città dello sport” a Mineo (CT), questo il tema del Caffè incontro e del workshop previsti per l'1 agosto 2017, a partire dalle ore 19.00, al Bar Coffee Square. di Mineo.

Progetto-città-dello-sport-mineo-670x469

Presentare il progetto per la creazione di una “Città dello sport” a Mineo, questo il tema del Caffè incontro e del workshop previsti per l'1 agosto 2017 a partire dalle ore 19.00 al Bar Coffee Square di Mineo.

L’idea nasce in seno al progetto “Giovani per l’Inclusione” – Finanziato nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” -, gestito dalle Associazioni Agenzia Giovani per i Giovani e Terre del Verismo, ma questa specifica iniziativa viene portata avanti in collaborazione con il Centro Studi C.E.S.T.A., e il Circolo MCL “Don Rosario Pepe” di Mineo.

Grazie al protocollo d’intesa tra l’ANCI e l’Istituto per il Credito Sportivo, gli enti locali potranno ricevere contributi per la costruzione, l’ampliamento, l’attrezzatura, il miglioramento, la ristrutturazione, l’efficientamento energetico, il completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva.

«Rivalutare un’area quale è quella di contrada Nunziata, aprendola all’intera popolazione locale, e implementandola con ulteriori attività e servizi è sicuramente una grande risorsa per la città di Mineo, anche perché l’esperienza ci insegna come lo sport unisca tutti e abbatta qualsiasi forma di marginalità sociale e di attività illegali» sottolinea Maria Antonietta Ritunno, Coordinatrice del progetto.

Al caffè incontro interverranno: Florinda Perrotta, Consigliere di Agenzia Giovani per i Giovani; Giuseppe Biazzo, Consigliere del Centro Studi C.E.S.T.A.; Paolo Ragusa, Presidente del Circolo MCL “Don Rosario Pepe” di Mineo; a seguire il workshop con la presentazione grafica del progetto in 3d che sarà affidata a Maria Antonietta Ritunno, Coordinatrice del Progetto “Giovani per l’Inclusione” e al tecnico progettista incaricato della realizzazione della bozza progettuale.

«Mettiamo in campo un’iniziativa che attraverso lo sport vuole rimettere in moto una città ormai a rischio declino che invece deve ripartire dai giovani. Questa infrastruttura può offrire ai giovani e meno giovani opportunità di socializzazione ma anche di lavoro» sottolinea Paolo Ragusa, Presidente del Circolo MCL “Don Rosario Pepe” di Mineo.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *