Mineo: il progetto per la creazione di una “Città dello sport”

Sarà presentato il progetto per la creazione di una “Città dello sport” a Mineo (CT), questo il tema del Caffè incontro e del workshop previsti per l’1 agosto 2017, a partire dalle ore 19.00, al Bar Coffee Square. di Mineo.

Progetto-città-dello-sport-mineo-670x469

Presentare il progetto per la creazione di una “Città dello sport” a Mineo, questo il tema del Caffè incontro e del workshop previsti per l’1 agosto 2017 a partire dalle ore 19.00 al Bar Coffee Square di Mineo.

L’idea nasce in seno al progetto “Giovani per l’Inclusione” – Finanziato nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” -, gestito dalle Associazioni Agenzia Giovani per i Giovani e Terre del Verismo, ma questa specifica iniziativa viene portata avanti in collaborazione con il Centro Studi C.E.S.T.A., e il Circolo MCL “Don Rosario Pepe” di Mineo.

Grazie al protocollo d’intesa tra l’ANCI e l’Istituto per il Credito Sportivo, gli enti locali potranno ricevere contributi per la costruzione, l’ampliamento, l’attrezzatura, il miglioramento, la ristrutturazione, l’efficientamento energetico, il completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva.

«Rivalutare un’area quale è quella di contrada Nunziata, aprendola all’intera popolazione locale, e implementandola con ulteriori attività e servizi è sicuramente una grande risorsa per la città di Mineo, anche perché l’esperienza ci insegna come lo sport unisca tutti e abbatta qualsiasi forma di marginalità sociale e di attività illegali» sottolinea Maria Antonietta Ritunno, Coordinatrice del progetto.

Al caffè incontro interverranno: Florinda Perrotta, Consigliere di Agenzia Giovani per i Giovani; Giuseppe Biazzo, Consigliere del Centro Studi C.E.S.T.A.; Paolo Ragusa, Presidente del Circolo MCL “Don Rosario Pepe” di Mineo; a seguire il workshop con la presentazione grafica del progetto in 3d che sarà affidata a Maria Antonietta Ritunno, Coordinatrice del Progetto “Giovani per l’Inclusione” e al tecnico progettista incaricato della realizzazione della bozza progettuale.

«Mettiamo in campo un’iniziativa che attraverso lo sport vuole rimettere in moto una città ormai a rischio declino che invece deve ripartire dai giovani. Questa infrastruttura può offrire ai giovani e meno giovani opportunità di socializzazione ma anche di lavoro» sottolinea Paolo Ragusa, Presidente del Circolo MCL “Don Rosario Pepe” di Mineo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *