eCOSM, il progetto di telemedicina per il monitoraggio dei pazienti in Sclerosi Multipla

Martedì 15 giugno, alle 12, nell’aula magna del Palazzo centrale dell’Università di Catania, sarà presentato il progetto “eCOSM - Ecosistema digitale di assistenza e monitoraggio del paziente in Sclerosi Multipla”.

Unico in Italia, il progetto eCOSM prevede la realizzazione di un processo sperimentale diretto a valutare il grado di applicabilità dei percorsi di Telemedicina e di e-Health nella gestione clinica dei pazienti affetti da Sclerosi Multipla. Un ecosistema digitale di continuità finalizzato ad integrare i diversi attori sanitari che partecipano al processo assistenziale e di fornire loro la possibilità di tele-visita e di monitoraggio continuo dello stato di salute e di assistenza, ma anche dell’aderenza terapeutica attraverso strumenti di telemedicina.

Alla presentazione interverranno il rettore Francesco Priolo dell’Università di Catania, il dott. Gaetano Sirna, direttore generale del “Policlinico-San Marco” di Catania, il prof. Francesco Patti, direttore del  Centro Sclerosi Multipla del “Policlinico” di Catania, il prof. Mario Alberto Battaglia, presidente di FISM/AISM, il dott. Giuseppe Banfi, AD Biogen, il dott. Massimo Caruso, segretario generale AiSDeT e direttore editoriale Innovazione eSalute, e il dott. Michele Vecchio, presidente della Società Italiana di Neurologia - Sicilia.

I lavori saranno moderati dalla prof.ssa Elita Schillaci, ordinario di Economia e Gestione delle Imprese del Dipartimento di Economia e Impresa dell’Università di Catania, e dal prof. Mario Zappia, ordinario di Neurologia e direttore della Clinica neurologica del Policlinico di Catania.

Il progetto eCOSM, coordinato dalla prof.ssa Elita Schillaci, è promosso da AiSDeT - Associazione Italiana di Sanità Digitale e Telemedicina in collaborazione con il “Policlinico-San Marco” di Catania, l’AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla e con la Società Italiana di Neurologia in partnership con Biogen Italia e l’Università di Catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *