Covid: ieri seconda giornata di vaccini, farmaco per 200 operatori della sanità siciliana

200 le persone che hanno ricevuto il vaccino anti Covid, ieri, nei quattro Centri di somministrazione allestiti a Palermo presso il Policlinico Giaccone e negli ospedali Civico, Villa Sofia-Cervello e Villa delle Ginestre.

Prosegue, infatti, la fase "V-Day" della campagna vaccinale secondo il target individuato dal Piano nazionale che prevede la somministrazione del farmaco a 685 persone tra sanitari, a quanti operano comunque negli ospedali e agli operatori e ospiti delle Rsa o Centri residenziali per anziani.
Le operazioni di somministrazione delle dosi stanno andando avanti già e, così come programmato dall'assessorato regionale alla Salute, a essere vaccinati (e fino al 30 dicembre) sono dieci rappresentanti di ogni Azienda sanitaria dell'Isola. Il Centro di somministrazione allestito al Civico, oltre che per 10 dipendenti della stessa azienda, è il riferimento per quanti provengono dal "Garibaldi" e dal "Cannizzaro" di Catania, dall'Ismett di Palermo e dal "Bonino Pulejo" di Messina.
I sanitari di "Villa Sofia-Cervello", invece, accolgono i dipendenti provenienti dalle Asp di Trapani, Agrigento e Siracusa, dal "Papardo" di Messina e ovviamente i dieci colleghi della loro stessa azienda. Nel Centro di somministrazione vaccino del Policlinico Giaccone, oltre agli interni, giungono i rappresentanti dei Policlinici di Catania e Messina e i sanitari delle Asp di Caltanissetta ed Enna. Infine, a Villa delle Ginestre le dosi riservate al personale proveniente dalle Asp di Catania, Messina e Ragusa, dall'ospedale di Cefalù e dal "Buccheri La Ferla" e ai colleghi dell'Asp di Palermo.
Intanto, l'assessorato alla Salute ha effettuato un monitoraggio sulle 85 persone che ieri hanno ricevuto il vaccino anti Covid: nessuno ha presentato sintomi avversi.
Dopo le 685 vaccinazionidel "V-Day", scatterà la vera e propria prima fase con oltre 140mila persone coinvolte, sempre secondo i parametri del Piano nazionale che vedono come prioritarie le somministrazioni a sanitari, personale che lavora negli ospedali, ospiti e operatori delle Rsa e dei Centri residenziali per anziani.