Franco Battiato, il cantautore filosofico della musica italiana

Franco Battiato, classe 1945, è un cantautore, un musicista, un regista e un pittore. La sua musica è fatta di tanti stili, dal rock all’avanguardia progressiva, dalla musica elettronica a quella lirica ed etnica.

franco

Dopo la morte del padre si stabilisce a Roma e successivamente a Milano. Nel capoluogo lombardo scopre la passione per la chitarra, suona nel locale Club 64, insieme a  Paolo Poli, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Renato Pozzetto e Bruno Lauzi. Negli anni 70’ si dedica alla musica d’avanguardia dalle sonorità elettroniche. Incide un disco percorrendo un viaggio interiore psichedelico, ispirandosi all’opera letteraria “Il Mondo Nuovo” di Aldous Huxley. La sua carriera musicale continua con album dallo stile allucinogeno. Il vero successo arriverà nei primi ani 80’ con il disco “La voce del padrone”. Un lavoro dal toni colti e raffinati, ma commerciale allo stesso tempo. Un disco rimasto nella storia della musica italiana. Un evergreen che ha reso l’artista unico nel suo genere. L'intero LP reca canzoni divenute classiche della musica italiana. Il suo successo non si arresta. Arriviamo agli anni 90’, Il maestro inizia la collaborazione con il filosofo Manlio Sgalambro, insieme incideranno l’album “L’imboscata”, con oltre 30 mila copie vendute. L’opera contiene uno dei suoi maggiori successi discografici, “La cura”, una traccia apprezzata da tutti, si rivolge ad una persona amata con evocazioni ed esortazioni alla guarigione facendo leva sul potere terapeutico della musica e delle parole. Nel 2003, all’età di 58 anni,  debutta come regista nel suo primo lungometraggio, “Perdutoamor”, un film dal soggetto pretestuoso. La storia si svolge in tre momenti narrativi che gravitano attorno al protagonista, Ettore Corvaja. In questo periodo il cantautore è in pausa lavorativa, si dice di lui che sia malato e non sia in grado di poter agire autonomamente. Tutti noi lo stiamo aspettando nella sua grandezza musicale. Perché Franco è Franco, l’idolo della nostra Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *