R.I.P. Joe Sample, storico tastierista dei Jazz Crusaders.

Joe Sample, grande tastierista de The Crusaders è morto all’età di 75 anni. Aveva suonato con Miles Davis, Steely Dan, Joni Mitchell, B.B. King, Marvin Gaye, San Diego’s Michael Franks & tanti altri musicisti. 

Un cancro ai polmoni ha stroncato Joseph LeslieJoe’ Sample, pianista e compositore statunitense, pioniere del jazz-funk mondiale, come lo era stato George Duke. Si è spento il 12 settembre a Houston, in Texas, all’età di 75 anni. 
Lo ricordano – ringraziando tutti gli amici e fan per il loro sostegno – la moglie Yolanda e il figlio musicista Niklas che lo hanno assistito all’MD Anderson Cancer Center di Houston.

Co-fondatore verso la fine degli anni ’50 del gruppo dei Jazz Crusaders e autore della famosaStreet Life” e “One Day I’ll Fly Away, cantata da Randy Crawford.
Impegnato musicalmente per più di quarant’anni Joe è stato considerato il padre innovativo della storia del jazz e del pianoforte contemporaneo. La band si era modellata sullo stile dei Jazz Messengers di Art Blakey.
Suoi i ricordi di quando iniziava a cimentarsi attorno ad un pianoforte: “Sono stato un pianista solista da quando avevo sei anni e suonavo nel soggiorno di mia madre per le sue amiche invitate al tè dopo la messa“. Il papà aveva combattuto nella I° Guerra Mondiale e gli aveva parlato a lungo dell’Europa e delle sue tradizioni musicali. 
Come un giovane musicista mi chiedevo, da dove venisse la nostra musica ” diceva JoeSono diventato uno storico e studioso del jazz e tutta la musica afroamericana, e ho recentemente scoperto in Europa una biografia di James Reese. Leggendo la sua storia biografica ho avuto una più chiara comprensione del perché il jazz è stato così importante non solo per me, ma a tutti noi “.

Dal ’61 vengono pubblicati molti album importanti per il panorama del jazz, miscelati al funky e R&B. Nel 1971 la band di Joe cambiò nome diventando semplicemente The Crusaders, gruppo fusion, prima band strumentale ad aprire i concerti live dei Rolling StonesIl gruppo (con il trombonista Wayne Henderson, il sax tenore Wilton Felder e il batterista Stix Hooper), sciolto nel ’90, ha avuto 19 album piazzati nella Top 200 della rivista specialistica Billboard.
I suoi best-seller discografici sono stati Rainbow Seeker, Carmel, Voices in the Rain, Spellbound, Ashes to Ashes, Invitation (un ritorno alle sue origini bebop), Did You Feel That?, Old Places, Old Faces e Sample This (prodotto da George Duke).

Joe Sample, gravemente ammalato, in agosto aveva rinunciato a molte date per concerti, specie all’invito per una memorabile serata al Ronnie Scott di Londra.  

Chaka Khan:  My heart goes out to the family & friends of Joe Sample. He was an absolute virtuoso on those ivories! Rest in power, my musical brother!!
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *