Presentato il libro ‘Scomunicata’ di Marzia Scala

Scomunicata, 14 racconti con protagoniste femminili. Da leggere

14195310_1178414018892986_4711419270007659583_o

Negli uffici della Expò di Catania è stato presentato il libro dell’esordiente scrittrice catanese Marzia Scala dal titolo Scomunicata. 14 racconti con protagoniste femminili che, in chiave ironica e schietta, si scontrano con le credenze popolari, gli stereotipi del cattolicesimo e le convenzioni sociali.Padrino d’eccezione Gino Astorina.

Ecco chi è l’autrice: Marzia è una donna forte, coraggiosa e libera. Lei stessa ha dichiarato che “Ogni donna deve essere indipendente. La libertà e l’indipendenza la rendono orgogliosa e viva.  In alcuni casi non  bisogna aver paura di farsi aiutare, di parlare, affrontare le situazioni.

Una stanza gremita di persone, giornalisti, parenti, amici, operatori tv, tutti in attesa della prima presentazione del libro dal titolo che non lascia spazio a interpretazioni o, forse si. La copertina, il vestito del libro, è bellissima con una donna abbigliata da suora, con il dorso semi-nudo  in cui si intravede   un tatuaggio che rappresenta l’Etna e la città di Catania.

La conduzione della presentazione è stata affidata all’abile Alessandra Barbato che ha introdotto sia l’autrice che il poliedrico Gino Astorina e la presidentessa di MdS editore, Sara Ferraioli.

La padrona di casa, Barbara Mirabella, ha spiegato il motivo per cui il libro, è stato presentato all’interno della sua azienda. Marzia ha collaborato con Expò e, malgrado  le strade si siano divise, l’autrice è rimasta una della famiglia.

14257664_1178413785559676_8468349925071137589_o

Una penna con un timbro particolare, una caratteristica importante per uno scrittore esordiente, in questa maniera Sara Ferraioli descrive la scrittura di Marzia Scala e il motivo per cui  ha deciso di pubblicare questa raccolta di racconti. Si inizia a leggere una pagina e il suo stile è talmente serrato, intrigante che assapori il libro, non lo lasci più, sino all’ultima pagina.

Gino Astorina, invece, con il suo solito humor ha posto l’accento sulla leggerezza o, meglio “il libro si fa leggere, leggero come una piuma, ma con concetti incisivi”  così ha definito la lettura di Scomunicata e… Marzia è una gran bella scomunicata. Questo termine veniva utilizzato da sua nonna verso le nipoti e rappresentava un complimento cioè è una donna che non va contro le regole, ma ben oltre, così ha contiuato Astorina nel suo intervento.

Vediamo cosa ha detto Astorina al collega Lucio Di Mauro:

 Molti i temi affrontati nel libro dalle varie protagoniste, dalla bulimia, alla lotta al cancro. ma basta così, bisogna acquistare e leggere il libro!

 Sicuramente è stata una presentazione molto sentita e partecipata.

 Marzia Scala risponde al microfoni di Globus Televison:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *