Grande l’interesse suscitato a Messina dalla “Notte europea della Geografia”

La manifestazione di altissimo livello culturale si è tenuta contemporaneamente il 5 aprile 2019 in tutte le sedi universitarie italiane ed europee.  1

Si è svolta dalle ore 10.30 alle ore 20.00, di venerdì 5 aprile, presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche dell’Università di Messina,  il cui Direttore è il Prof. Mario Calogero, la Notte europea della Geografia tra “rema montante e rema scendente”.

L’iniziativa, ideata nel 2016 dal Comitato Francese di Geografia, ha ricevuto il supporto in Italia del Comitato Italiano dell’Unione Geografica Internazionale, del Coordinamento SOGEI (di cui fanno parte l’Associazione dei Geografi Italiani, l’Associazione Italiana di Cartografia, l’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia, il Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, la Società di Studi Geografici e della Società Geografica Italiana), della Rete LabGeoNet (Rete dei Laboratori Geografici Scientifici Italiani) e dell’Associazione Italiana di Geografia fisica e Geomorfologia.

Prof.Mario Calogero

Divulgare la cultura del territorio, dei vari luoghi o paesi, di tutto ciò che di fatto ci circonda dando nuova visibilità alla ricerca e all’educazione geografica, apprezzare il valore delle bellezze della Terra, sono fra gli obiettivi ed elementi fondamentali della Notte Europea della Geografia per acquisire una giusta e responsabile amministrazione del territorio stesso.

Bisogna dare a tutti e principalmente ai giovani il modo di accrescere la conoscenza del sistema Terra sensibilizzando naturalmente anche la classe studentesca verso le discipline geografiche.

E’ fuor di ogni dubbio che la ricerca geografica può favorire un incremento sostanziale di consapevolezza della ricchezza comune, può aiutare a costruire una spazializzazione sostenibile in difesa degli ecosistemi e, aspetto non meno importante, dare al grande pubblico una corretta educazione ambientale.4

L’evento che era di rilievo continentale e si è svolto infatti, come anticipato, oltre che in tutte le sedi universitarie italiane ed europee anche a Messina, presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche, Aula Buccisano, in P.zza XX Settembre 1, è nato su iniziativa di AIIG sez. Sicilia (in collaborazione con l’AGeI), Presidente la Prof.ssa Elena Di Blasi, Docente di Geografia Politica ed Economica presso lo stesso Dipartimento.3

La manifestazione ha riscosso grande successo sia mediatico che di pubblico con l’Aula Buccisano e i corridoi del Dipartimento gremiti anche per la presenza degli studenti di Scuole superiori cittadine come l’Istituto Sup. Antonello, l’Istituto Sup. Archimede, il Liceo Scientifico Empedocle, anche grazie all’azione dell’ADSeT Messina, attraverso il suo presidente, prof. Angelo MiceliUno degli scopi era proprio quello di aprire al grande pubblico i principali Atenei italiani.

8

Vari gli eventi proposti, approfondimenti, percorsi tematici ed espositivi come mostre, carte e mappe antiche ed ancora proiezioni, concorsi fotografici, concerti, tutti accompagnati da uno spirito di accoglienza, di inclusione e connessione con la Terza Missione dell’Università, ovvero oltre quelle della formazione e della ricerca, quella imprenditoriale che cerca di favorire l’applicazione diretta, la valorizzazione e l’impiego della conoscenza per contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economico della nostra Società.

Coordinatore di tutto questo la Prof.ssa Elena Di Blasi, Docente di Geografia Politica ed Economica, presso il Dipartimento SCIPOG – Università di Messina e Presidente di AIIG sez. Sicilia ed è proprio a lei che va il grande merito di avere organizzato nei minimi dettagli tutti i vari eventi in programma. Le iniziative proposte si sono bene articolate rispettando tempi e programma e hanno evidenziato, se ce ne fosse stato bisogno, come dietro a tutto questo esiste un mondo accademico  dinamico, attivo attorno a una materia indispensabile come la geografia e quindi grandi meriti oltre al Coordinatore, la Prof. Elena Di Blasi, anche al Comitato Organizzatore composto dai Proff.ri Alessandro Arangio, Simonetta Ballo Alagna, Elena Di Blasi, Claudio Gambino, Leonardo Mercatanti, Nunziata Messina, Corradina Polto, Maria Teresa Taviano.8

L’iniziativa è stata introdotta dai saluti del Prof. Mario Calogero, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche, della Prof.ssa Elena Di Blasi e delle Prof.sse Maria Teresa Taviano, Corradina Polto e, Simonetta Ballo Alagna che subito dopo hanno richiamato l’attenzione del pubblico e degli studenti coi loro brillanti interventi.6

La Prof.ssa Maria Teresa Taviano, già Prof. Associato di Geografia presso l’Università di Messina, è intervenuta con la proiezione sui Beni culturali e ambientali di Messina, da lei curata dal titolo “I Beni Culturali e Ambientali di Messina: un patrimonio da valorizzare”, un patrimonio che davvero può dare grandi opportunità sotto ogni aspetto al nostro territorio fra le quali quella di mettere in evidenza l’enorme potenzialità di uno sviluppo turistico di Messina.

La Prof.ssa Corradina Polto, già Professore Ordinario di Geografia nell’Università di Messina ha illustrato agli studenti la mostra di carte storiche dal titolo “La percezione della forma urbis di Messina nella cartografia tra ‘500 e ‘700” da lei allestita, mentre la Prof.ssa Simonetta Ballo Alagna, già Prof. Ordinario di Storia delle esplorazioni geografiche nella Facoltà di Economia ha commentato la proiezione da lei curata dal titolo “Messina nelle immagini dei viaggiatori del passato”.

Proiettati anche l’interessante cortometraggio “Discover the Beautiful Sicily” di Marius Mele e subito dopo “Paesaggi Siciliani Violati”, a cura del Distretto Lions 108 YB Sicilia.

Durante la manifestazione sono stati premiati da AIIG sez. Sicilia gli alunni delle Scuole Superiori che hanno partecipato al concorso: GEOSELFIE, la tua idea di Geografia”, curato dalla Prof.ssa Nunziata Messina, Presidente AIIG Sez. di Messina e dallo stesso Direttivo della Sezione che prevedeva la realizzazione di un selfie che rappresentasse in modo originale la propria idea di Geografia, intesa come la rappresentazione dell’uomo nel rapporto con il suo ambiente.7

Il concorso è stato vinto dalle classi I e II A turistico, I A alberghiero, II L ed M alberghiero dell’“Antonello”, al secondo posto III A “Empedocle”, al terzo posto II F “Antonello”, I A “Empedocle”.

Molto bello e gradito il Concerto di chiusura: Duo di Flauto e PianoforteM°Andrea De Caro e M°Domenico De Caro.

Decisamente un evento di alto spessore che rendendo la ricerca geografica più accessibile a tutti promuove la diffusione del sapere geografico nella società.

9

locandina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *