Aci Trezza, concluso ieri il mese dedicato al protettore San Giovanni Battista

Con la celebrazione dell’ottava dei festeggiamenti patronali si è concluso ieri, lunedì 1 luglio, il mese dedicato al protettore San Giovanni Battista

celebrazione 'ottava' festa di san giovanni battista - 1 luglio 2019.1

Con la celebrazione dell’ottava dei festeggiamenti patronali si è concluso ieri, lunedì 1 luglio, il mese dedicato al protettore San Giovanni Battista. L’appuntamento principale è stato nel pomeriggio, con la santa messa solenne in chiesa madre presieduta, come ormai da tradizione, dal prevosto parroco della basilica San Filippo di Agira di Aci San Filippo, nel ricordo di un antico legame tra le due parrocchie.
E’ stata la prima volta per don Roberto Strano, parroco che ha sostituito da meno di un anno don Alessandro Di Stefano alla guida dell’importante chiesa acese, come sottolineato anche dal parroco trezzoto don Carmelo Torrisi che ha concelebrato insieme al suo vice don Orazio Sciacca. Al termine, prima del canto dell’inno a San Giovanni, una breve processione con la reliquia ha fatto capolino fin sul sagrato della chiesa, per la benedizione del borgo marinaro e l’accensione dei fuochi d’artificio di chiusura. Il sorteggio finale, che ha regalato ai fortunati vincitori una crociera nel Mediterraneo e un soggiorno con centro benessere in un noto hotel Zafferana Etnea, ha dato invece l’arrivederci al prossimo 29 agosto quando si celebrerà la memoria del martirio di San Giovanni Battista e verrà esposto l’antico simulacro.
Finita la grande festa di Giugno, la Commissione festeggiamenti, la Confraternita San Giovanni Battista e l’Associazione culturale “U pisci a mari” anche quest’anno hanno voluto ringraziare quanti si sono prodigati per l’ottima riuscita, a partire dalla cittadinanza in tutte le sue espressioni, dai gruppi parrocchiali alle attività economiche, il coro parrocchiale “Te Deum laudamus”, il vescovo di Acireale Antonino Raspanti ed i sacerdoti che si sono alternati all’altare per celebrare messa durante i festeggiamenti, il vescovo emerito di Ragusa monsignor Paolo Urso che ha tenuto il triduo di preparazione, il Comune di Aci Castello, la Questura, i Carabinieri, la Polizia municipale ed i volontari, la Capitaneria di porto, l’ufficio territorio ambiente di Catania della Regione Siciliana, la Misericordia di Aci Castello, l’Area marina protetta “Isole Ciclopi”. Infine hanno ringraziato anche le ditte “Zio Piro” e “Vaccalluzzo” per gli spettacoli pirotecnici, “Eurolux di Pasquale Lo Faro” per le luminarie, i corpi bandistici “Città di San Gregorio di Catania”, “Maestro Giulio Virgillito – città di Catania”, “Città di Zafferana Etnea”, nonchè delle associazioni “San Marco” di Catania, “Canterini della riviera jonica Melino Romolo” di Roccalumera, “A un passo dal sogno” e “Feel dance” di Acireale, la cover band “Luna Rossa” per l’organizzazione dei bellissimi momenti di spettacolo, il Centro studi Acitrezza per la diretta web ed il portale Staff pirotecnico per le riprese video dei momenti salienti. Intanto, l’attività della Commissione non si ferma perchè è già in preparazione il bis della “Sagra del pesce spada” che si terrà il 12, 13 e 14 luglio allo scalo di alaggio di Aci Trezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *