Volley Qualification: Le Azzurre battono l’Olanda e volano verso Tokyo

Con un netto 3-0 alla squadra Olandese, le Azzurre del Volley, allenate da Mazzanti, staccano il biglietto qualificandosi per i Cinque Cerchi di Tokyo 2020. 67654120_10218074708852643_8706106997725986816_o

Una spinta importante dal pubblico del PalaCatania, un’accoglienza magnifica e la spettacolare macchina del Volley femminile, ha portato le Azzurre a qualificarsi per il Torneo Olimpico di Tokyo 2020. Nelle più rosee previsioni già antecipate dalla Egonu e dalla Sylla, raggianti dopo la vittoria sulle Olandesi: “Grazie Catania, grazie a tutti i siciliani, ci sentiamo a casa con tutto questo entusiasmo“.
Soddisfatto l’allenatore Mazzanti che ora può offrire tranquillamente ai colleghi allenatori delle tre nazionionali la granita e l’arancino (come si era detto scherzosamente durante la conferenza stampa): “Sono felice della conquista di un posto alle Olimpiadi. Chiuso un girone infernale con un gruppo di atlete che è andato maturando passo dopo passo. Ora abbiamo il tempo per il giusto riposo e per prepararci alle gare dei Cinque Cerchi di Tokyo“. 68343071_2468353319899043_8816104687884304384_n

Più di 4500 spettatori entusiasti, provenienti da tutte le parti d’Italia, hanno incoronato la cavalcata delle giocatrici italiane che con tre vittorie hanno onorato lo sport sotto rete: dal 2 al 4 agosto tre serate di spettacolo sportivo e non.
Contento il sindaco della Città di Catania, Salvo Pogliese, e l’assessore allo Sport, Sergio Parisi, che si sono complimentati con l’allenatore Davide Mazzanti, con l’organizzazione FIVB Italiana, il presidente federale FIPAV Pietro Bruno Cattaneo, quella regionale, il comitato territoriale Fipav di Catania guidato da Peppe Gambero, il CONI provinciale con Enzo Falzone in testa e tutti quelli che gioco forza hanno contribuito all’impresa sportiva in Terra di Sicilia e al Palasport di Catania. Per la Regione era presente Manlio Messina, il nuovo assessore allo Sport e Spettacolo.  67553406_2468377739896601_607841802002628608_n

Il sindaco Pogliese, fresco della nomina a coordinatore regionale della Sicilia orientale di Fratelli d’Italia: “Da Catania a Tokyo, missione compiuta! Italia qualificata alle Olimpiadi 2020. Una magnifica giornata di sport con un pubblico fantastico. Viva l’Italia, viva Catania!“. L’assessore Parisi: “Determinante per la vittoria finale lo straordinario supporto del pubblico del PalaCatania“. 67651681_10211703920712739_3160583205250138112_o67761599_10211703995474608_4241269433022021632_o

Proprio la Città di Catania, scelta per la formula competitiva di uno dei sei gironi, ha visto la nazionale Italiana primeggiare nella sua Pool F, battendo in tre accessissime serate di puro sport le tre squadre nazionali assegnate con la formula del round robin.
La formula vede infatti 24 squadre divise in sei gironi, al termine del quale la prima classificata di ogni raggruppamento strappa il pass per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

67467117_10211695469181456_6764340463454388224_oL’Italia ha ben figurato battendo sia il Kenia, il Belgio e la forte Olanda con un sonoro 3-0 che ha fatto felice tutto lo staff italiano ed il numerosissimo pubblico accorso a vedere le proprie beniamine (raggiunta in serata finale la quota di 5000 presenze da far straripare un coloratissimo PalaCatania).
Le tre compagini sfidanti non hanno sfigurato, anzi, hanno dato lo spunto per dire della forza del girone F, arricchito da atlete all’altezza del torneo preolimpico (hanno giocato due partite al giorno, alle 18.00 e alle 21.15).
Anche le pallavolisti dell’outsider Kenia, allenate da Shailen Dev Ramdoo, pur nella loro semplicità schematica hanno ben figurato in campo (e fuori) tenendo testa alle blasonate ragazze dell’Olanda, allenate da Mr. Jamie Morrison (con Alessandro Beltrami secondo), alle altissime giocatrici del Belgio di Gert Vande Broek e nella prima serata all’Italia di Mazzanti (con Giulio Cesare Bregoli secondo).

Ottime le selezioni arbitrali presenti che hanno onorato la tre giorni di Catania come tutta la poderosa macchina organizzativa e tecnica che hanno fatto dell’evento in casa Catania un grande vettore di promozione.

68409447_10211703722347780_1592553656945737728_oLa partita con l’Olanda (che era a punteggio pieno come l’Italia) ha dato la vera dimensione della consistenza delle due fortissime squadre impegnate sul parterre per un’ora e 29 minuti.
La prima, quella orange, forte nel recupero palla con una Celeste Plak fortunata e brava alle conclusioni sotto rete (quando entra in campo si fa subito notare), con in grande spolvero le colleghe De Kruijf, Sloetjes e Buijs (uno score del 34% in attacco). La seconda, l’Italia di bianco vestita, con una Paola Ogechi Egonu poderosa (ben 47 palle in attacco), poi Miryam Fatime Sylla (13 battute positive, 29 ricezioni e 18 palle in attacco) e Lucia Bosetti (14 palle in attacco dell’esperientissima pallavolista dello Scandicci nonostante una lieve contrattura alla spalla durante la competizione, lasciata perciò anzitempo) che non hanno tradito le aspettative, corroborate da altri punti di forza come la presenza in campo della forte e giovane Elena Pietrini, l’apprezzata napoletana Cristina Chirichella e la più votata Raphaela Folie (voto 6.8 rispetto al 6.7 della Plak), ottime centrali della nazionale.
67938125_10218063504252535_5231379404726206464_oTutte a segno (tranne una) le 14 battute dell’alzatrice e grande regista Ofelia Malinov, ma niente ace (servizio vincente). Bravissima il libero italiano Monica De Gennaro che ha conquistato il pubblico con i suoi recuperi impossibili.
Ovviamente alto lo score in attacco, pari al 48%. Tre tiratissimi set tutti in vantaggio per l’Italia e che gli son valsi la conquista del Samurai Rosso, il passaporto per Tokyo.
Il risultato 25-23, 25-17 e 25-22 come a dimostrare l’intensità dei parziali giocati.
67639655_10218074729813167_1312195234293088256_o

Il Cielo è sempre più Blu. Con le note di Rino Gaetano le ragazze festeggiano ballando la conquista del trofeo e del pass Giapponese.

67526169_10218074710412682_7976086308298686464_oLa partita è stata arbitrata dal brasiliano Paulo Turci e dall’argentino Pedro Fabian Concia ben aiutati all’occorrenza dal video challenge, autentica ed esauriente moviola in campo (dal 2016 la vera rivoluzione nel mondo della pallavolo).

IMG_9477E’ stato uno spettacolo nello spettacolo quello confezionato nella tre giorni di Volley, tutta al femminile, un grande happening che ha visto le immagini del PalaCatania rimbalzare su tutti i social e format Tv, con le dirette serali che mamma RAI ha dedicato alla nazionale italiana della pallavolo femminile.
Presente infatti uno spumeggiante Andrea Lucchetta commentatore RAI e campione indiscusso della nazionale maschile e oggi anche di fan-selfie, spalla del bravo Maurizio Colantoni, giornalista sportivo che ha scritto a quattro mani la storia della palermitana Sylla e che era possibile acquistare in un banchetto dedicato.
_DSC7474globus (Copia)Una festa di colori, di suoni dance con un dj-sport in grande spolvero sulle note dedicate al Papu Gomez (indimenticato calciatore del Calcio Catania), di spettacolo (tra cui il cantautore aedo-etneo Alfio Patti, Biondo il cantante di Amici con spumeggiante Dj, il gruppo tango di Fly Dance con Giovanna Russo e Massimo Adorno) e coreografie tra il pubblico giovanissimo e non, con tanto di gadget bianco, rosso e verde: Catania si è dipinta nella sua migliore veste – e con tutta la forza del suo Vulcano – per questa riuscita preliminare pallavolistica alle Olimpiadi giapponesi.
Il PalaCatania ha retto l’impatto scenico (ottimo l’allestimento della squadra tecnica organizzativa, con due enormi ledwall informatici in alto a garantire filmati e punteggi in tempo reale e quelli attorno pista) e la gestione del pubblico sugli spalti che non hanno patito il caldo torrido esterno per una climatizzazione ottima medio-centrale campo, ma impossibile in zona medio-alta degli spalti (giornalisti congelati).67768022_10218055562493996_231225027578560512_oPeccato che alla fine dell’evento tutto è stato smontato, facendo ripiombare il palazzetto nel “profondo oblio dell’avere niente” che fa disperare l’assessore Parisi e tutta la città (non dimentichiamoci che pioveva dentro il campo per danni alla campata di protezione superiore, non scordiamoci dei danneggiamenti per furto di rame, soffermiamoci sulle infrastrutture di ospitalità e sul tabellone informativo desueto e ormai spento da tempo).

67661049_10218074727413107_7352012360300625920_oIl Mondo Globus (già invitato all’Airport Hotel per le interviste di pregara alle atlete e agli allenatori del quadrandolare preolimpico) è stato presente in forze per tutte e tre le giornate, con la redazione di Globus Magazine e di Globus Television.  67450310_10211692717032654_8351400492156321792_n
Aiutati dall’operatore esterno Salvo Fazio al PalaCatania si sono alternati ai servizi e alle interviste Edoardo Barbera, Nello Failla, Gianni Melfa e Giuseppe Aletta, sotto l’occhio attento del direttore Enzo Stroscio.
Un ampia sintesi di tutte le giornate pallavolistiche di Catania sarà successivamente presentata durante la trasmissione sportiva televisiva “All Sport”, su Globus Television 819 DTT, interamente dedicata alle Preolimpiadi di Tokyo 2020.

Nella piena difficoltà della prevista calca di gente e specialisti del settore, nell’angusto spazio riservato all’incontro con le atlete, il Network giornalistico ha intervistato tutto e tutti, compresa un’atleta olimpica olandese, la bellissima Judith Pietersen, commentatrice in forza alla folta squadra giornalistica tulipana presente in tribuna stampa. 68301993_10211703995354605_9156534138046513152_o68411055_10211703921472758_1567697302519283712_o67690319_10211703922392781_6903476397159743488_o67827341_10218074688532135_6705880538307100672_o67648418_10218074693932270_8843520202869047296_n

67676614_10218074693572261_2494244129064615936_o

67666728_10211673322787810_5116262603177328640_o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *