San Gregorio, Villa comunale: via libera dalla Regione Siciliana

I fondi vanno investiti entro il 31 dicembre di quest'anno. L’assessore Zappalà: «Ora attendiamo solo la relazione del Cutgana per dare in appalto i lavori e consegnare la Villa entro autunno»

Con delibera di Giunta regionale n. 23 del 21 gennaio scorso la Regione Siciliana «ha apprezzato la proposta di riprogrammazione delle economie riconducibili al Patto per lo Sviluppo della Regione Siciliana» nello specifico il progetto riguardante il superamento delle barriere architettoniche della Villa comunale di San Gregorio.

Con l’approvazione di questa delibera, dunque, è stata garantita l’adeguata copertura finanziaria all’operazione. Si tratta di 98.839,85 euro. L’assessorato regionale alle Infrastrutture e della Mobilità, lo ha reso noto con una missiva dell’11 febbraio (prot. n. 7541) nella quale si ribadisce che il Comune «è autorizzato ad avviare le procedure di affidamento della progettazione o dell'esecuzione dei lavori nelle more dell'erogazione delle risorse assegnate agli stessi e finalizzate all’opera con provvedimento legislativo o amministrativo».

Ma per procedere al bando di gara è necessario ancora un altro tassello: un parere da parte del Cutgana.

«Si tratta, in effetti – ha spiegato l’assessore Zappalà -, di una relazione geologica che compete al Cutgana, ente gestore della Riserva naturale con la quale la Villa confina. A confinare con la Riserva saranno proprio i nuovi bagni. Ultimata questa ultima fase – ha concluso Zappalà - pensiamo di andare in gara subito dopo la Pasqua e iniziare i lavori nei primi giorni di giugno. Dovrebbero durare tre mesi».

Se si dovesse rispettare, quindi, la tabella di marcia, così come descritta dall’assessore Zappalà, l’area potrebbe riaprire i battenti nel prossimo mese di ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *