Roy Paci e Carmine Ioanna due strumenti, un’unica voce

Il virtuoso irpino della fisarmonica e la tromba infuocata del siciliano percorrono insieme un intenso cammino intorno alle musiche del mondo Duo Then Ø- Teatro Garibaldi Enna, sabato 9 febbraio ore 20.30

Roy Paci e Carmine Ioanna Foto di Angelo Trani

E’ un sodalizio artistico già ben collaudato quello tra il siciliano Roy Paci e l’irpino Carmine Ioanna, il primo virtuoso della tromba, l’altro della fisarmonica, che sabato 9 febbraio alle ore 20.30 porteranno al Teatro Garibaldi di Enna il loro “Duo Then Ø”, per la stagione teatrale organizzata dall’Amministrazione comunale e firmata da Mario Incudine.

Il primo incontro tra il virtuoso irpino della fisarmonica Carmine Ioanna e la tromba incandescente di Roy Paci, risale alla scorsa primavera, al Festival “Canta Fiora”, in Maremma, per un concerto all’insegna di una musica senza confini. La tromba e il flicorno di Paci accanto alla fisarmonica di Ioanna percorrono un intenso cammino intorno alle musiche del mondo, un dialogo sincero tra di loro e con il pubblico, in un repertorio di brani originali e ampi tratti di completa improvvisazione a tinte jazz. La sintonia tra i due musicisti è cresciuta concerto dopo concerto, portandoli a calcare insieme molti palchi per proporre un vero e proprio esperimento sonoro, qualcosa che non si è mai visto. Il duo Paci Ioanna ogni volta sembra offrire qualcosa di straordinario, un intenso gioco di armonie e sguardi complici, che fanno di due strumenti un’unica voce. Uno spettacolo unico nel suo genere e imperdibile.

Roy Paci. Il cantante, trombettista, compositore, produttore discografico augustano, classe 1969, non ha certo bisogno di presentazioni. In 35 anni di carriera ha realizzato e partecipato a più di 500 album, collaborando con artisti del calibro di Manu Chao, Mike Patton, Negrita, The Ex, Vinicio Capossela, Gogol Bordello, Macaco, 99 Posse, Daniele Silvestri, Bombino, Caparezza, Hindi Zahra, Ivano Fossati, Subsonica, Piero Pelù, Marlene Kuntz, Frankie Hi-nrg, Tony Levin e tanti altri.

Ha realizzato colonne sonore per cinema, tv e teatro ricevendo vari premi tra i quali il prestigioso Nastro d’Argento e una candidatura al David di Donatello. I suoi progetti attivi sono Roy Paci & Aretuska, Banda Ionica, Corleone e Orchestra del Fuoco. Da 5 anni è direttore artistico dell’ Uno Maggio Taranto. Fra le ultime uscite discografiche, è del 17 gennaio 2017 “Fight for Freedom: Tribute to Muhammad Ali”(Etnagigante) in collaborazione con Remo Anzovino: l’album è colonna sonora originale del film “Da Clay ad Alì, la metamorfosi” (Sky, 3D e Repubblica), di Emanuela Audisio pubblicato in occasione del 75° anniversario dalla nascita di Muhammad Ali. A fine settembre dello stesso anno, anticipato da due singoli, “Tira”(con testo scritto da Daniele Silvestri) e “Revolution”, viene alla luce “Valelapena” (Etnagigante/Artist First) sesto album firmato Roy Paci & Aretuska. Nel febbraio 2018 ha partecipato alla 68° edizione del Festival di Sanremo insieme a Diodato con la canzone “Adesso”. Nell’ultima stagione delle Tragedie Greche al Teatro Greco di Siracusa è stato attore e autore delle musiche de “I Cavalieri” di Aristofane con la regia di Giampiero Solari. Lo scorso luglio, insieme agli Aretuska ha lanciato il singolo “Salvagente”(Etnagigante/Artist First),brano dal groove funky in cui i fiati la fanno indubbiamente da padrone, che ha visto la partecipazione di Willie Peyote, uno dei più brillanti rapper del momento.

Carmine Ioanna. Il virtuoso fisarmonicista irpino ha già tenuto concerti in più di 30 Paesi del mondo. Ha collaborato con il conservatorio di Frosinone in diverse occasioni.

Nel 2012 ha lavorato ai dischi “Il Pentagramma della memoria” progetto musicale che ripercorre in chiave jazzistica la musica scritta nei campi di concentramento nazisti, con Luca Aquino e il musicista Sergio Casale, e “Per quanto vi prego” disco di La costituente, gruppo con il quale collabora dal 2011. Nel 2013 ha suonato per il disco “aQustico”(Tuk Music) di Luca Aquino, uscito a luglio in Italia e a novembre in Francia.Nel 2014 ha pubblicato l’album SOLO per la Bonsai Music, con la collaborazione di Luca Aquino alla tromba e Francesco Bearzatti al clarinetto; contemporaneamente ha avvito una collaborazione con il rapper di Seoul “Loptimist” per un progetto sperimentale che vede la fisarmonica mescolarsi con l’hip pop e che uscirà in Asia per la Kemistreet. Sempre nello stesso anno incide con i “Lokomarket” l’album Zingaria in Olanda, edito dalla O.A.P Record, e la partecipazione a “L’ opera da tre soldi” di Brecht in 15 repliche presso il sidecar, e di cui Ioanna farà un arrangiamento per fisarmoinica solo. Tra i progetti del 2015 ci sono “Petra” registrato nel sito archeologico omonimo, in Giordania, e “Anime Migranti”, uno spettacolo teatrale con l’attrice Claudia D’amico, che tratta il tema dell’emigrazione. E’ deel 2016 invece il progetto “ZIC Trio” con Eric Capone e Vim Zambsnrè. L’incontro con il pianista francese e il percussionista del Burkina Faso, culminerà in un disco, “Irpinia”, inciso a Grenoble con il sassofonista Luca Roseto. Tra i nuovi progetti, è di rilievo il suo secondo disco da leader, questa volta con il suo nuovo quartetto, “soli in viaggio”(con l’introduzione dell’elettronica), uscito lo scorso maggio sempre per la francese “bonsai music” e distribuito anche in italia da Goodfellas; il trio Melodia con Rino De Patre e Giovanni Montesano (Abeat records); il duo con Francesco Bearzatti, e l’incontro musica-teatro con Amanda Sandrelli per lo spettacolo “Il tango del marinaio”(cronopios production

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *