L’ultima registrazione di Claudio Abbado

La registrazione di due concerti mozartiani con Martha Argerich al pianoforte e Claudio Abbado sul podio dell’Orchestra Mozart pubblicata l’11 febbraio entra direttamente al sedicesimo posto della classifica dei dischi più venduti (Top of the Music FIMI-GfK)

É senza dubbio in un CD speciale, registrato dal vivo nel marzo 2013 al Festival di Lucerna: Abbado era tornato a collaborare con Martha Argerich a 10 anni dalla precedente incisione per realizzare la prima collaborazione mozartiana in disco, che purtroppo passerà alla storia come l’ultima, sublime incisione di Claudio Abbado.

L’ultimo disco di Abbado con Argerich al piano: un atto d’amore a Mozart”…”Questa musica arriva persino sorridente. Si è sfiorati per un attimo dal pensiero che si tratti di qualcosa oltre la morte. Che la musica è più forte di tutto. Che il bello riscatta ogni cosa. Ecco perché questo disco, l’ennesimo disco di Abbado, della Argerich e della Mozart è molto di più di un disco stupendo.” Enrico Girardi, Il Corriere della Sera
Abbado e Argerich: con Mozart si compie il cerchio della vita”…”Il loro Mozart della maturità, nella bellezza suprema dei Concerti n. 20 K466 e n. 25 K503, ha il senso essenziale del percorso della vita che torna all’innocenza infantile”. Egle Santolini, La Stampa
In questo prezioso CD, Claudio era tornato a collaborare con l’amica Marta, già complice di leggendarie avventure discografiche…Alla sfida della brillantezza vitale del K503, Abbado ha voluto abbinare gli emozionanti e tenebrosi interrogativi metafisici del K466. Come se avesse voluto dirci che coltivava con assoluto amore per la vita, la consapevolezza della propria fine”. Leonetta Bentivoglio, La Repubblica
Dedicato al genio salisburghese.
MOZART
Concerti per pianoforte
n. 20 in re minore K 466
n. 25 in do maggiore K 503
Martha Argerich, piano
Orchestra Mozart
Claudio Abbado
CD/Download 479 1033
Deutsche Grammophon
Disponibile anche in digitale
Registrazione dal vivo realizzata al Festival di Lucerna nel marzo 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *