L’Anaao Assomed invia esposto sul P.O. Papardo, ma è un falso

 

La sigla sindacale vittima di un attacco contro la propria credibilità. Presentata denuncia contro ignoti.

logoanaooassomed1

Un grave danno all’immagine, sia per l’assoluta inattendibilità dei contenuti che per l’attacco alla propria credibilità. Con queste motivazioni l’Anaao Assomed Sicilia e il suo segr. reg.le Pietro Pata, attraverso i propri legali, ha presentato una denuncia/querela contro ignoti, costituendosi parte civile. Tutto ha inizio con un esposto denuncia, di circa 18 pagine, palesemente falso, attribuito alla sigla sindacale, inviato nei giorni scorsi a numerose Istituzioni, come la Procura della Repubblica di alcune città siciliane e calabresi, il Ministero della Salute, l’assessorato alla Sanità, la Presidenza della VI commissione Legislativa e la Procura della Corte dei Conti di Palermo, con accuse rivolte all’amministrazione dell’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina. Un esposto, dunque, palesemente falso e corredato da evidenti errori, come la carta intestata artefatta e poi la firma di Pietro Pata definito “segr. provinciale”, quando invece ricopre la carica di segr. regionale dell’Anaao Assomed Sicilia, il quale, per iscritto, quindi, avrebbe attribuito pesanti accuse sulla struttura messinese rivolgendosi all’assessorato regionale alla Salute ed altre Istituzioni. E proprio da qui si è riusciti a scoprire la magagna, perché l’assessore al ramo Baldassare Gucciardi, leggendo il documento, si è subito premurato ad inviare una nota ad un’ignara segreteria regionale del sindacato. L’ANAAO-ASSOMED Sicilia, definendo l’azione, che peraltro è un reato punibile penalmente, “un vile attentato alla credibilità, non solo nella sostanza dell’azione ma a maggior ragione in un momento estremamente delicato per la Sanità siciliana”, ha subito preso le distanze dai contenuti e dalla forma di tale esposto, che non rispecchia in alcun modo lo spirito della sigla e presentato denuncia.

Le recenti polemiche seguite alla presentazione del nuovo assetto dell’emergenza/urgenza della Rete ospedaliera siciliana – sostiene Pietro Pata, segr. reg.le Anaao Sicilia – non possono trovare sponda in “corvi” che vogliono avvelenare il clima di un corretto e civile confronto istituzionale. Invieremo copia della nostra denuncia querela a tutte le Istituzioni interessate, primo fra tutti l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, a discolpa di quanto imputatoci”.

E sulla nota inviata all’assessorato regionale alla Sanità, Pata aggiunge “Non siamo assolutamente gli autori, ma vittime inconsapevoli di questo criminale dossieraggio”.

L’atto compiuto a danno dell’Anaao Assomed,.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *