La squadra del Calcio Catania ha visitato U.S.U. dell’Ospedale Cannizzaro

Nell’ambito del progetto “Un Giorno per la Nostra Città”, programma della Lega Serie B realizzato in collaborazione con ANCI  e con il patrocinio di AIC  ed AIAC, il Catania ha vissuto ieri una mattinata speciale e di grande significato, visitando l’Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale Cannizzaro di Catania.

Ad accogliere la delegazione rossazzurra, il Primario dell’U.S.U. dottoressa Maria Pia Onesta, medici, infermieri ed operatori socio-sanitari della struttura. L’incontro con i pazienti del reparto è stato prezioso umanamente, grazie alla condivisione di un sorriso, e sul piano della conoscenza, per constatare l’importanza dell’insieme di soluzioni tecniche e diverse abilità che insieme consentono di oltrepassare il limite delle barriere architettoniche esistenti, ricordando contemporaneamente l’importanza di un necessario impegno collettivo, ad ogni livello, per la riduzione e l’eliminazione di queste. Tifosi del Catania e sportivi di buon valore, i cestisti del Cus Cus (Centro Universitario Sportivo e Centro Unità Spinale), hanno giocato successivamente con i rossazzurri una partita dimostrativa di basket in carrozzina e si sono cimentati con loro in appassionanti sfide di ping-pong e calcio balilla.

Nel prosieguo della giornata, anche una dimostrazione delle difficoltà più frequenti legate ai percorsi dei non deambulanti e delle relative diverse abilità che consentono di superare gli ostacoli. Accompagnati da rappresentanti del nostro club,  hanno partecipato all’incontro mister Dario Marcolin ed il suo vice Enrico Annoni, con i calciatori della prima squadra Michal Chrapek, Manuel Coppola, Gonzalo Escalante, Riccardo Maniero, Raphael Martinho, Moses Odjer,Alessandro Rosina e Pietro Terracciano.

L’Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale Cannizzaro di Catania è un reparto moderno e funzionale: piscine, palestre e laboratori permettono di passare dal completamento della fase di terapia all’avvio ed al mantenimento dell’espressione delle diverse abilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *