Incontro sulla Missione di scavi in Iraq con l’archeologa catanese Licia Romano

CATANIA – Rotary Catania Duomo 150: Incontro chiave con l’archeologa Licia Romano

La giovane archeologa catanese, Licia Romano, del Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università “La Sapienza” di  Roma, durante un meeting organizzato dal Rotary Catania Duomo 150 all’Hotel Nettuno, ha svolto un’ accurata relazione sugli scavi archeologici e sulla vita e le usanze della popolazione di Nassiriya in Iraq. All’incontro hanno partecipato le rappresentanze dei clubs Rotary di Misterbianco e Sud, il past governatore Concetto Lombardo ed il delegato del governatore Rosario Indelicato. Dopo il saluto dei tre presidenti dei Clubs, Prestipino, Argusio e Anfuso, ha preso la parola il coordinatore provinciale della Fondazione Telethon il quale ha illustrato il programma della prossima manifestazione che si svolgerà a Catania. “Domenica 4 maggio – riferisce Gibilaro – abbiamo organizzato in città una passeggiata dedicata a Matteo colpito da una malattia genetica. La manifestazione si inquadra nel programma di iniziativa che Telethon porta avanti per offrire agli specialisti le risorse economiche per effettuare le ricerche sulle malattie genetiche. Ai partecipanti, con il versamento di cinque euro, sarà consegnato uno zainetto contenenti dei regali offerti dagli sponsor”. L’appello lanciato da Gibilaro è stato accolto dai club Rotary che hanno assicurato la loro partecipazione. E’ seguita  la relazione dell’archeologa Licia Romano. “Ho avuto la fortuna – dichiara – di trovare a Roma all’Università “La Sapienza” dei docenti che mi hanno offerto la possibilità di aggregarmi al gruppo di archeologi che lavorano in Iraq, più precisamente a Nasseriya, il luogo simbolo dove dieci anni fa furono uccisi i nostri soldati. Noi, della missione archeologica  Italo –Irachena, abbiamo lavorato negli scavi ad Abu Tbeirah  e a Ur la patria del profeta Abramo”. Secondo la relazione dell’archeologa sono tornati alla luce, con gli scavi, delle interessanti strutture murarie, tombe, oggetti, ceramiche, testimonianze dell’antica civiltà del terzo millennio a.c. Attraverso delle immagini dopo la relatrice ha illustrato il tipo di vita che si svolge a Nassiriya. “Il nostro rapporto con la gente locale – ha sottolineato- è ottimo perché ci rispettano. La missione oltre agli scavi ci impegna a incrementare il turismo al quale le autorità tengono molto perchè a turisti si possono fare conoscere le bellezze architettoniche, archeologiche, naturali e la loro cultura”. Il meeting è proseguito con la cerimonia di consegna del distintivo di socio onorario del Rotary, dalle mani del presidente del club Nino Prestipino al giornalista Pippo Petralia, per l’impegno nella sua attività giornalistica e sociale. Gli altri due distintivi di socio onorario sono stati consegnati dai rappresentanti del Rotary Community Corp “Patria Cultura e Società”, Giuseppe Mazzaglia e Nello Vacante ai due archeologi Licia Romano e Franco D’Agostino quali ambasciatori di cultura e di pace. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *