Il video che ‘trolla’ i complottisti delle scie chimiche

Un inglese ha pubblicato su Youtube un falso video sulle scie chimiche ripreso dall’aereo su cui viaggiava…

Il primo ottobre, Chris Bovey – un quarantunenne del Devon, in Inghilterra – ha deciso di trollare tutte le persone che credono nelle scie chimiche. Era su un volo partito da Buenos Aires e diretto nel Regno Unito, quando il suo aereo ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a San Paolo e, per alleggerirsi in vista della manovra, ha riversato all’esterno il carburante in eccesso. Dato che era seduto vicino al finestrino, proprio accanto all’ala, Chris ha deciso di riprendere il liquido che veniva spruzzato nell’aria.

Quando è atterrato ha caricato il video su YouTube con una didascalia nella quale sosteneva che fosse la prova dell’esistenza delle scie chimiche. Quel video, prima di cancellare l’account (qui sotto uno dei tanti share su Youtube), aveva più di un milione di visualizzazioni, circa 20.000 condivisioni e decine di commenti nei quali si invitano gli utenti a “svegliarsi!” o li si accusa di essere dei “disinformatori pagati.”

Chris si è anche inventato di essere stato trattenuto all’aeroporto di Heathrow all’arrivo, e di essere stato interrogato dalle autorità che gli avrebbero anche confiscato il cellulare. Il suo racconto ha convinto ulteriormente i complottisti, tanto che alla fine il sito NeonNettle.com ha pubblicato la sua testimonianza presentandola come la prova dell’esistenza delle scie chimiche.

Mick West – editor di Metabunk, un sito che si occupa di sbugiardare le teorie del complotto e che ha pubblicato un articolo nel quale definisce il video di Chris una bufala – ha dato qualche informazione in più. “[La teoria del complotto sulle scie chimiche] è cominciata negli anni Novanta,” ha detto. “È stato allora che alcune persone hanno iniziato a notare le scie di condensazione lasciate dagli aerei, e hanno pensato che le scie normali non dovrebbero essere visibili così a lungo. Quindi, se una di queste scie rimaneva visibile per più di qualche minuto, doveva per forza trattarsi di qualcosa spruzzato di proposito”.

Secondo West, il motivo per cui questa teoria è ancora così diffusa è il fatto che internet sia pieno di “prove”, nessuna delle quali è stata mai soggetta a verifica.

Chris è stato persino invitato a una trasmissione radio condotta di Richie Allen, un amico di David Icke – il tizio che afferma che tutti i leader mondiali che ci governano siano in realtà dei rettiliani. Una volta in diretta, Chris ha ammesso di essersi inventato tutto e ha discusso in modo acceso con il conduttore del programma sulla validità scientifica della teoria del complotto sulle scie chimiche.

Da quel momento, Chris ha ricevuto un sacco di insulti – anche se, va detto, se l’è cercata. Però le scie chimiche rimangono una bufala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *