Catania, Calciomercato: prima le uscite, poi eventuali entrate

I rossazzurri devono ancora sfoltire la rosa, specie nel reparto offensivo che conta numerosi calciatori in lotta per una maglia

calil-conf

I giochi sono fatti. O quasi. La dirigenza del Catania è stata abile nel fornire al tecnico Lucarelli l’organico praticamente completo già a fine luglio, consentendo così all’ex allenatore del Messina di poter preparare la stagione bene sin da subito e al gruppo di trovare una coesione sin dalla preparazione estiva. L’arrivo di Ripa ha per certi versi chiuso la campagna acquisti del Catania, o meglio, l’ha fermata in attesa di eventuali uscite. Risulta infatti improbabile che ad oggi possa arrivare un altro giocatore over senza che prima gli etnei cedano uno o più di quelli presenti in rosa.

Il primo della lista dei partenti è senza dubbio Caetano Calil. L’ex attaccante del Crotone è ormai ai margini del progetto del club siciliano dallo scorso gennaio – quando fu ceduto in prestito al Livorno – e doveva essere solo di passaggio a Torre del Grifo. La mancanza però di club fortemente interessati e uno stipendio che probabilmente intimorisce i possibile acquirenti ha fatto sì che a poco meno di 10 giorni dalla chiusura della finestra estiva di mercato il brasiliano faccia ancora parte dell’organico rossazzurro. Le possibilità sono molte: in primis una cessione (si parlava con forte insistenza di un interesse prima del Modena e poi dell’Alessandria); la rescissione del contratto, che permetterebbe al club di liberarsi dell’ingaggio e al giocatore di scegliere la propria destinazione; infine, ipotesi che non piace ovviamente a nessuno ma che rischia di prendere corpo, una permanenza a Catania senza essere inserito però nella lista over degli arruolabili in campionato.

Chi sembrava sicuro partente, almeno all’inizio, era anche Demiro Pozzebon ma l’ex Messina ha disputato un pre-campionato davvero a grandi livelli e l’idea di dare una seconda chance con la maglia rossazzurra alla punta stuzzica e non poco Lucarelli, come dimostra anche la maglia da titolare contro la Sicula Leonzio in Coppa Italia. Destino incrociato con Valerio Anastasi che l’anno scorso fece il percorso inverso di Pozzebon andando a Messina e riuscendo a disputare un’ottima seconda parte di campionato sotto la guida dello stesso Lucarelli. Proprio per questo il calciatore catanese sembrava essere sicuro della permanenza, nonostante le tante richieste, è facile pensare però che anche solo per una questione puramente numerica uno dei due possa lasciare Torre del Grifo.

In entrata, salvo occasioni last minute o eventuali partenze (Silva?), come detto, il Catania è pressapoco completo. Si è tanto parlato di un interesse per Coletti e Montini, due profili che sicuramente piacciono ma che ad oggi, con un parco giocatori così ricco davanti, difficilmente sembrano poter arrivare senza che non ci siano prima delle cessioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *