Campagna etica del QdS. “Qui Stati generali”

Enzo Bianco alla Campagna etica del Quotidiano di Sicilia. “Qui Stati generali”. Sedici proposte per Catania città metropolitana

 CATANIA – Puntare sull’adeguamento antisismico ed energetico degli edifici piuttosto che su nuove cubature, tolleranza zero per ogni tipo di abusivismo, tappeti d’oro a chi, soprattutto stranieri, vuole investire, autocertificazione attraverso gli Ordini professionali, con dure risposte per chi sbaglia, Zona franca a Librino, passeggiata pedonale e piste ciclabili sugli Archi della Marina, una volta liberati dalle linee ferrate.

Così il sindaco Enzo Bianco immagina la Catania che sta nascendo, e un pubblico di addetti ai lavori ha punteggiato il suo discorso di calorosi applausi nel corso della prima riunione organizzata dal “Quotidiano di Sicilia” per la Campagna etica 2014 e dedicata alla crescita e lo sviluppo di Catania, Città metropolitana. “Oggi – ha detto Bianco – è un giorno importante per Catania: grazie al QdS, è come se avessimo aperto gli Stati generali della Città. Ciò significa che Catania intende rinascere, che ha grandi energie e che vuole uscire dalla logica del lamento per approdare a quella, ben più produttiva, del progetto. E quello che ho sentito qui oggi mi conforta molto”. Sono state ben sedici le proposte emerse nel corso dei lavori. Si sono alternati sul palco, coordinati dal Direttore Carlo Alberto Tregua, i vertici delle Istituzioni (Amt, Sac, Ente Parco dell’Etna, Autorità Portuale, Fce, Apea), del mondo delle Imprese (Confagricoltura, Fondimpresa, Credito Siciliano, Confcommercio, Coldiretti, Cgil, Confesercenti, Legacoop) e del mondo delle professioni (Commercialisti, Architetti). Carlo Lungaro, presidente Amt, ha assicurato che entro tre mesi sarà inaugurato il parcheggio di Fontanarossa. Dalla Sac, per voce dell’Ad Gaetano Mancini, il progetto “Sicilia d’Inverno” per destagionalizzare il turismo.

L’amministratore della società che gestisce l’aeroporto ha annunciato che a breve verrà attivato un volo diretto Catania-Istanbul.

In sala grande attesa per le dichiarazioni di Salvo Fiore, dirigente della Ferrovia Circumetnea, sullo stato dei lavori della metropolitana. Finalmente ecco una data: “Entro il 2015 i catanesi potranno arrivare a Piazza Stesicoro”, ma afferma Fiore “l’obiettivo vero è quello di collegare il centro cittadino con l’Aeroporto”.Tutti d’accordo per restare uniti contro l’abusivismo dilagante. Da quello dei mezzi pubblici, per il quale Lungaro ha ricordato come i cittadini che pagano i biglietti dell’autobus sono pochi, “ma ci stiamo attrezzando”, a quello commerciale sul quale si è soffermato Giovanni Selvaggi, presidente della Confagricoltura di Catania: “troppi abusivi che vendono arance, un fenomeno che nessuno sta contrastando”.

Dal presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Catania, Sebastiano Truglio, la proposta al sindaco di aprire uno sportello per le Zone franche urbane e l’offerta: “Le nostre professionalità al servizio degli uffici comunali”, così come il presidente dell’Ordine degli Architetti, Giuseppe Scannella, ha evidenziato l’importanza della valorizzazione del patrimonio immobiliare. Turismo tutto l’anno e per questo in particolare l’Autorità portuale, con il commissario straordinario Cosimo Aiello, crede nell’apertura del porto alla città e l’Ente Parco dell’Etna, con la presidente Marisa Mazzaglia, intende sfruttare al massimo le potenzialità del riconoscimento del vulcano quale patrimonio Unesco.

Dal Credito Siciliano la proposta di investire anche per quest’anno nelle Startup innovative. Josè Recca, presidente dei Giovani imprenditori di Confcommercio, lancia la proposta di realizzare nelle principali piazze della città degli stalli per le bici elettriche sul modello delle città europee. “In città i mercati a Km zero” è l’iniziativa già attuata dal giovane presidente di Coldiretti catania, Giovanni Pappalardo, e sulla quale si continua a puntare per combattere la malavita. E sempre dal mondo delle imprese Confagricoltura, Confesercenti e Legacoop hanno manifestato il bisogno di fare sistema. Sono intervenuti nel corso dell’evento il sottosegretario alla Giustizia, Giuseppe Berretta, il vice presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Salvo Pogliese, e il professore Giovanni Russo, luogotenente dell’Ordine del Santo Sepolcro per la Sicilia. Berretta ha puntualizzato: “Non dobbiamo nascondere i ritardi della nostra città. Vanno azzerati i ritardi burocratici”. Pogliese ha sottolineato l’opportunità da non sprecare dei “fondi che giungeranno attraverso la Città metropolitana”.

La riunione di Catania ha inaugurato il ciclo di incontri che seguiranno, in tutte le altre province siciliane, nell’ambito della Campagna Etica 2014 del Quotidiano di Sicilia. Prossimo appuntamento ad aprile a Palermo nella Sala gialla di Palazzo dei Normanni. Martedì 18 febbraio sul “Quotidiano di Sicilia” un resoconto completo della riunione di Catania.

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *