Il Catania al torneo di Subbuteo

Il 15 e 16 novembre la formazione del Subbuteo Club Catania 1987 ha primeggiato nel girone di andata del campionato cadetto e laurearsi come campione d’inverno

C’è un Catania che il calcio lo gioca sopra un panno verde adagiato su una tavola di legno, che alla fine del girone di andata è riuscito a lasciarsi tutti alle spalle nella serie B nazionale. Stiamo parlando dell’intramontabile Subbuteo, oggi definito più semplicemente Calcio da Tavolo, che ha visto nel fine settimana del 15 e 16 novembre la formazione del Subbuteo Club Catania 1987 primeggiare nel girone di andata del campionato cadetto e laurearsi campione d’inverno.

Sede della due giorni è stata il Palaspeca di San Benedetto del Tronto, la città delle palme, che oltre alla serie B ha ospitato il giro di boa dei campionati di serie A e serie C, con una partecipazione  di 44 squadre provenienti da tutto lo stivale.

La formazione rossazzura è riuscita finalmente a presentarsi quasi al completo a quest’evento, con capitan Peppe Guzzetta che poteva fare affidamento sul sempre tenace Longo, sul presidente Calcagno, sul rientrante Testa, sul giovane pluricampione italiano e mondiale Claudio Panebianco e sul neo acquisto Balzano proveniente da Cagliari. Purtroppo la sfortuna ha tenuto fermo ai box il vice Presidente Panebianco Senior, Giuseppe, che ha causa di problemi fisici non ha potuto schierare la propria squadra, ma ha comunque dato un grandissimo apporto guidando i compagni da “bordo tavola”.

Alla vigilia la formazione etnea, pur conscia dei propri mezzi, non veniva accreditata dai più come una delle favorite e il calendario da subito impegnativo poteva essere una di quelle classiche situazioni in cui un passo falso iniziale può pregiudicare anche i successivi match.

La consapevolezza della propria forza ed il grandissimo spirito di gruppo però hanno fatto la differenza e Catania ha iniziato con un impressionante filotto di cinque vittorie in cinque partite.

Adesso inizia la grande attesa, il girone di ritorno nel quale Catania affronterà nuovamente le stesse squadre si disputerà, sempre a San Benedetto del Tronto, solo nel mese d’aprile e dovremo quindi attendere cinque mesi per capire se l’ottima partenza potrà consegnare a Catania le chiavi d’accesso per la serie A, oppure relegarla ancora tra i cadetti. Si guadagneranno la promozione le prime due squadre classificate e la vincente di un play off disputato tra la terza e la quarta classificata.
Il Subbuteo Club Catania, pur restando coi piedi per terra, non nasconde le proprie ambizioni e preparerà il girone di ritorno disputando alcuni tornei di grande importanza come la Coppa Sicilia di Siracusa a dicembre, il Major internazionale di Roma a gennaio e la Coppa Italia federale a febbraio, ma anche allenandosi ogni mercoledì sera nei locali dell’auditorium comunale di San Pietro Clarenza con incontri aperti a tutti, agonisti, amatori o semplici curiosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *