MINI STAGIONE OPERISTICA AL TEATRO GRECO DI SIRACUSA

L’assessore alla cultura e turismo del Comune di Siracusa Fabio Granata ha presentato stamane le due date, dedicate al belcanto, che avranno luogo al Teatro Greco di Siracusa il 13 luglio con Tosca e il 3 Agosto con Turandot

Presentazione Festival Teatri di Pietra SR

L’assessore alla cultura e turismo del Comune di Siracusa Fabio Granata ha presentato stamane (mercoledì 26 Giugno nella Sala Stampa in Piazza Minerva) le due date, dedicate al belcanto, che avranno luogo al Teatro Greco di Siracusa il 13 luglio con Tosca e il 3 Agosto con Turandot. Due produzioni distinte che collaborano in sinergia, la prima a cura del Coro lirico siciliano e la seconda firmata dalla YAP+ (Young Artist Plus del M° Marcello Giordani). La presenza del Coro Lirico Siciliano e del tenore Marcello Giordani in entrambe le produzioni rappresentano il fil rouge di questa prima sperimentale stagione operistica estiva al Teatro Greco di Siracusa.

“La musica al Teatro greco – ha affermato il sindaco, Francesco Italia – è un mio vecchio pallino e questi due eventi dimostreranno, ancora una volta, che non solo la cavea ma tutti i principali siti del Parco archeologico possono diventare contenitori artistici di qualità ben oltre le Rappresentazioni classiche. Credo che su questo troveremo un punto di incontro con il direttore Calogero Rizzuto. Intanto, per queste due serate, ringrazio la Regione, Filippo Amoroso, Marcello Giordani e il Coro lirico siciliano che si sta affermando come una delle nostre migliori realtà artistiche.”

Si comincia il 13 luglio con Tosca primo spettacolo all’interno del Festival dei Teatri di Pietra che proseguirà a Taormina il 30 luglio e a Tindari il 4 Agosto. Gianluca Marcianò, sarà il Maestro concertatore e Direttore dell’Orchestra In Residence. Il M° Francesco Costa dirigerà il Coro lirico siciliano. La supervisione registica sarà affidata ad Alessandro Cecchi Paone. Nel cast Floria Tosca – Svetla Vassileva, Mario Cavaradossi – Marcello Giordani, il barone Scarpia – Alberto Mastromarino, Cesare Angelotti Sinan Yan, il sagrestano/Sciarrone/un carceriere – Claudio Levantino, un pastore – Adoná Mamo. Coro di Voci bianche della Città di Siracusa diretto da Mariuccia Cirinnà. Scene di Alfredo Troisi, costumi della Sartoria Teatrale di Francesca Pipi, regista collaboratore Anna Aiello, disegnatore luci Claudio Mantegna. La produzione gode del Patrocinio della Regione Siciliana, dell’Assessorato Turismo Sport Spettacolo e dei Beni culturali, della Rai e del Pontificium Consilium de Cultura.

«Per la prima volta – sottolinea Francesco Costa, Maestro del Coro – siamo riusciti a creare una circuitazione intorno ai tre principali teatri di pietra dell’Isola riportando, dopo cinque anni d’assenza, l’opera al Teatro Greco di Siracusa. Oltre che garantire la nostra presenza a Taormina per noi era fondamentale, alla luce del successo de La Traviata dello scorso anno, tornare a Tindari. Abbiamo deciso, allora, di autoprodurci con l’unico scopo di garantire al pubblico spettacoli di grande qualità, come quelli che da anni realizziamo in giro per il mondo».

La doppietta estiva firmata YAP+ inizierà il 3 agosto dove, nella suggestiva cavea di Siracusa, gli spettatori potranno apprezzare la prima di Turandot per la regia di Enrico Stinchelli. Il 3 Settembre, invece, sarà un felice ritorno al suggestivo Teatro Antico di Taormina. Questa prestigiosa produzione, firmata dalla YAP+ e sponsorizzata dall’Opera Cares Foundation, vede la collaborazione del Festival Pucciniano di Torre del Lago e dell’Opera Carolina. Tra i patrocini la Regione Siciliana, l’Assessorato Turismo Sport Spettacolo e dei Beni culturali e il Comune di Siracusa. Grandi nomi oltre all’illustre firma del regista Enrico Stinchelli, noto ai più per la sua ideazione e conduzione del programma radiofonico La Barcaccia per la RAI. Il Direttore d’orchestra e Maestro concertatore sarà James Meena. I costumi vantano la firma di Franca Squarciapino, già Premio Oscar nel 1991. Nel cast: Turandot – Elina Ratiani, Calaf – Marcello Giordani e Liù – Sharon Azrieli. Afferma il tenore Marcello Giordani: “In trent’anni di carriera ho vestito tanti ruoli, ad alcuni sono più legato perché sono più nelle mie corde e ad altri perché hanno la forza di emozionarmi come la prima volta. Cavaradossi e Calaf rappresentano la sintesi della mia vita, sia artistica che personale. La duplice veste di tenore e produttore è una promessa d’amore che ho fatto al teatro. Sono stanco di assistere a produzioni messe in piedi solo per lucrare. La lirica è il nostro patrimonio culturale e va’ valorizzato e amato con la stessa dedizione dei personaggi pucciniani. Sono certo che produzioni liriche ambientate in scenari così suggestivi potranno attrarre un numero sempre maggiore di turisti.” L’arte e la grandezza eterna del toscano Giacomo Puccini saranno protagoniste al Teatro Greco di Siracusa con due capolavori di repertorio: il 13 luglio con Tosca e il 3 agosto con Turandot.

“Il Teatro Greco sarà scenario suggestivo e prestigioso della straordinaria tradizione operistica italiana – ha detto l’assessore Fabio Granata – con due spettacoli di grandissima qualità. Un piccolo cartellone ma di grande spessore culturale che sarà riproposto anche nelle prossime stagioni, con nuovi spettacoli e con nuovi allestimenti da noi proposti all’Ara di Ierone e all’Anfiteatro Romano e che hanno trovato condivisione piena da parte di Filippo Amoroso. La grande Opera ritorna stabilmente a Siracusa.”

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *