FA TAPPA A SIRACUSA LA MOSTRA FOTOGRAFICA SULL’ALOPECIA CURATA DALL’ASAA ONLUS

Interessante e significativa mostra quella inaugurata sabato 28 aprile presso l’Ex Convento del Ritiro, in via Mirabella a Siracusa, dal titolo “Mettiti nei miei Panni!”, seconda tappa nazionale della Mostra fotografica sulla Visibilità dell’Alopecia come motore della ricerca, promossa da ASAA ONLUS 

mettiti nei miei panni

Interessante e significativa mostra quella inaugurata sabato 28 aprile presso l‘Ex Convento del Ritiro, in via Mirabella a Siracusa, dal titolo “Mettiti nei miei Panni!”, seconda tappa nazionale della Mostra fotografica sulla Visibilità dell’Alopecia come motore della ricerca, promossa da ASAA ONLUS (Associazione Sostegno Alopecia Aerata) con il patrocinio dell’Assessorato ai Beni Culturali del Comune di Siracusa. Alla serata inaugurale erano presenti Francesco Italia, Assessore ai BB, CC e Turismo del Comune di Siracusa, Alessandra Sbarra, Presidente nazionale ASAA Onlus, Francesca Fadda, Vice presidente ASAA Onlus e Silvia Moretta, curatrice della mostra. L’alopecia areata è una patologia in cui la repentina caduta dei capelli si manifesta tipicamente a chiazze glabre o aree, da cui il nome. Solitamente le prime chiazze si manifestano nel cuoio capelluto e, nella maggior parte dei casi, si risolve spontaneamente, solo nell’1% circa dei casi la patologia può estendersi (alopecia totale, AT).

Questa patologia era già conosciuta ai tempi degli antichi egizi. Dal fatto che, soprattutto nei bambini, la caduta prematura dei capelli può dare luogo a problematiche psicologiche o a disagio nei rapporti di relazione, nasce la mission dell’ASAA che da una parte vuole supportare le persone affette dalla patologia sensibilizzando l’opinione pubblica e dall’altra vuole ottenerne il riconoscimento sociale e istituzionale. Importanti quindi gli interventi in ambito scolastico tendenti all’accettazione e alla valorizzazione delle differenze, quali strumenti di arricchimento per il benessere scolastico e la crescita personale. Nelle ampie sale del Convento del Ritiro sono state esposte fotografie di donne e bambini “calvi”, una galleria di soggetti che mostrano la loro “diversa” bellezza, attraverso scatti che evidenziano la loro vitalità e una serena, e a volte autoironica, accettazione della malattia. La mostra resterà aperta dal 29 aprile al 4 maggio col seguente orario: mattina ore 11:00 – 13:00 / pomeriggio ore 17:00 – 19:00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *