Sochi 2014: argento per Innerhofer e bronzo per Zoeggeler

Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014 – Prime due vittorie per gli azzurri. Napolitano si congratula

L’Italia comincia alla grande nei Giochi olimpici invernali di Sochi.

Si è appena aperta la terza giornata e già ieri la squadra azzurra è riuscita a conquistare le prime due medaglie; un argento con il discesista Christof Innerhofer ed un bronzo con lo slittinista Armin Zoeggeler.

La prima medaglia, quella d’argento, è arrivata proprio nella mattinata di ieri. Sulla pista del Rosa Khutor Alpine Center, Cristof Innerhofer l’ha conquistata nella discesa libera maschile, chiudendo con una grande prestazione con il tempo di 2'06"29, a soli 6 centesimi dall'austriaco Matthias Mayer, che si laurea nuovo campione olimpico di specialità, oro a sorpresa. Sul podio anche il norvegese Kjetil Jansrud, medaglia di bronzo, a 10 centesimi.

Per Innerhofer, 29enne di Brunico, portacolori delle Fiamme Gialle e iridato a Garmisch 2011 in superG, si tratta del primo podio a cinque cerchi in carriera.

Christof Innerhofer commenta così l'argento conquistato ‘I sei centesimi di differenza? È uguale, per me è come aver fatto dieci vittorie. Non ci posso ancora credere. Contano i dettagli e stavolta li ho azzeccati tutti. La strategia di andare piano in prova non era facile, perché non è facile cambiare ritmo in gara. Mi veniva da spingere. Sono partito e prima della partenza mi son detto: “è un occasione, cerca di sfruttarla”. Nella prima curva mi sbatteva un pò lo sci esterno. Ho cercato di divertirmi, poi non ho più pensato a niente. Al traguardo ho pensato che non ci potevo credere’. Innerhofer commenta la prova deludente dei 'big': ‘Non contano le prove, devi essere pronto in gara, avere le gambe reattive e non stanche. Ieri, avevo poca tensione nelle gambe. Stamattina mi sentivo bene. Il mio obiettivo era divertirmi. La medaglia olimpica era un sogno, dopo quella vinta ai Mondiali’.

Altra grande soddisfazione azzurra arriva da Armin Zoeggeler, che chiude una carriera ineguagliabile con una altra medaglia: la sesta in altrettante edizioni dei Giochi olimpici invernali. L'altoatesino conferma i tempi delle prime tre manche e conquista il bronzo nello slittino. La vittoria va al giovane fenomeno tedesco Felix Loch, al secondo oro consecutivo; dietro di lui il russo Albert Demchenko.

Fumerò un sigaro con gli allenatori. Avevo promesso che lo avrei fatto se andavo sul podio’: questo il semplice modo di festeggiare dell'altoatesino - solitamente molto compassato – che in questa occasione ha liberato l'esultanza. ‘Le Olimpiadi sono particolari, caricano di più di una gara normale. Conosco il valore di questa medaglia. Andare in slittino mi emoziona ancora e conserverò sicuramente a casa questa slitta insieme a quella di Torino’. 

Nel giorno precedente al debutto, Zoeggeler ha fatto anche il portabandiera nella cerimonia di apertura. ‘All'inizio ero un po' preoccupato perché è una cosa per cui serve molto tempo, ma faccio i complimenti al Coni perché ha organizzato tutto molto bene ed alle 23.15 ero già al villaggio olimpico a riposare. Il mio futuro? Faccio la gara a squadre, poi vado a casa in vacanza. Ho sempre detto che voglio finire la stagione, poi mi prenderò un pò di riposo e deciderò il mio futuro’. Zoeggeler porta con sé un grande merito: aver scritto 20 anni di storia di questo sport. ‘Stanco? No, mi sento sempre molto giovane altrimenti non riuscirei a fare questo sport e questo successo mi ringiovanisce. Da Lillehammer ad oggi il tempo è volato. Mi aiuta il fatto di vivere in un piccolo paese dove sono solo Armin e non una star. A casa mi ricarico per ripartire poi in giro per il mondo’. 

Fiero il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha inviato un messaggio di congratulazioni al numero uno del Coni, Giovanni Malagò, per celebrare le prime due medaglie conquistate dagli azzurri ai XXII Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014. Il capo di stato si congratula ‘Per il buon inizio. Vive congratulazioni personali a Christof Innerhofer e a Armin Zoeggeler. Conto di telefonarvi al più presto in occasione di altri felici momenti sportivi. Sono vicino a voi tutti’.

Due grandi successi che ben fanno sperare per i giorni a seguire. Quindi, “forza azzurri”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *