SAN GREGORIO: “SAN DOMENICO SAVIO” SCUOLA SICURA

Oltre quattrocento tamponi sono stati effettuati venerdì scorso presso l’Istituto comprensivo “San Domenico Savio” di San Gregorio a studenti e personale scolastico.

L’esito è stato più che soddisfacente: lo screening di massa ha dato esito negativo per tutti.

Entusiasta la dirigente scolastica, Daniela Fonti, che sin dall’insorgere dell’emergenza coronavirus ha vigilato, insieme al personale scolastico, affinché la scuola fosse un luogo sicuro: «I sacrifici che abbiamo fatto e che abbiamo imposto ai genitori degli alunni sono stati ripagati – ha commentato la dott. Fonti – abbiamo sempre rispettato i protocolli e siamo stati molto severi, a volte, ma la scuola è stata sempre un luogo sicuro; se qualche caso c’è stato è stato subito circoscritto e isolato e l’intera classe protetta».

Oltre ai tamponi, 374 dei quali eseguiti nell’istituto e una trentina direttamente all’Asp di Catania, la direzione scolastica, coordinata dal Dsga Rita Posa, ha provveduto, subito dopo, a sanificare tutti i locali per via della presenza di altrettanti genitori venuti ad accompagnare i propri figli. I lavori di sanificazione sono stati affidati ad una ditta esterna.

Tutto era nato per un presunto caso di covid contratto da un alunno della secondaria di primo grado. Il sindaco di San Gregorio, dott. Carmelo Corsaro, si è subito attivato mettendo in moto la macchina organizzativa dell’Asp e del commissariato covid: «Ringrazio il dott. Liberti, commissario covid, e il suo collaboratore dott. Condorelli – ha dichiarato il primo cittadino - per la sensibilità dimostrata nel comprendere le preoccupazioni delle famiglie. Ancora una volta – ha continuato il sindaco Corsaro – questa è la dimostrazione che laddove vengono applicati i protocolli anticovid non si genera alcun focolaio. Questi ragazzi – ha sottolineato ancora il dott. Corsaro – stanno dimostrando a noi adulti di essere rispettosi delle regole. Queste regole devono essere rispettate anche fuori dalla scuola. Essendo anch’io un genitore che ha una bambina alla “Savio” – ha concluso - non posso non chiedere ai genitori tutti di attenzionare i loro ragazzi più grandi quando sostano in gruppi nelle aree attigue alla scuola».

I tamponi rapidi sono oggi strumenti molto diffusi per la diagnosi di Covid-19. Permettono, infatti, di identificare con un buon livello di affidabilità e in tempi rapidi, le persone positive al Sars CoV-2 anche in assenza di sintomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *