Rientro dalle ferie….quanti problemi fisici e psichici

La psicologa Maria Angela Nicolosi consiglia: "Sarebbe opportuno non rientrare il giorno prima della normale ripresa dell’attività lavorativa, ma una volta rientrati sarebbe meglio  riprendere le consuete attività con gradualità"

 

Con la fine dell’estate, in linea di massima, la maggior parte delle persone ha già consumato il periodo di ferie passato al mare, in montagna, all’estero o a visitare le città d’arte. Il periodo delle ferie serve a ricaricare le batterie dopo un anno di attività lavorativa e a trascorrere le vacanze in pieno relax con la famiglia o con gli amici. La programmazione delle vacanze, tanto attese, sono soventemente frutto di un lavorio mentale più o meno intenso, progetto vacanziero, spesso idealizzato, pensato e ripensato durante  tutto un anno di lavoro o di studio. Vacanze utilizzate come panacea e  antidoto  al malessere della routine quotidiana, per le piccole beghe tra colleghi, per le diverse delusioni che normalmente si vivono. Le vacanze ovunque e in qualsiasi formula si consumano dovrebbero essere considerate una pausa, un momento di stacco durante il quale ci si riposa e si trovano nuove energie. Ma se questo periodo è da considerarsi piacevole, perché fa dimenticare il lavoro, i piccoli e i grandi  problemi familiari, le tasse da pagare, il caro-vita, la benzina che aumenta, la rata del mutuo da pagare, la ripresa dell’attività lavorativa o del tran tran quotidiano è da considerarsi non semplice come dimostra la psicologa, Maria Angela Nicolosi. “Diversi soggetti al rientro delle ferie  - sottolinea - avvertono tutta una serie di malori fisici e psichici. Si calcola, che un soggetto su tre, al rientro dalle ferie, accusa senso di stordimento, calo di attenzione, digestione difficile, mal di testa, dolori muscolari, ansia e irritabilità. Questa serie di problemi colpisce un terzo della popolazione che si ritrova ad essere  spossata, stordita, insonne con seri problemi  di concentrazione e a rimanere calma. A questo si deve aggiungere  la difficoltà a relazionarsi, ad esercitare il pensiero creativo, a vivere con serenità le relazioni interpersonali e le dinamiche familiari, a sottostare allo stress che viene provocato dalla routine a cui riabituarsi, alla stanchezza da viaggio e alle questioni irrisolte da affrontare. Da non trascurare  il fatto di dovere affrontare anche i problemi provocati dalla crisi economica: i precari ed i lavoratori part-time sembrano le categorie più esposte alla sindrome da rientro, preoccupati, giustamente, della loro condizione ora più che mai incerta. La durata di questo stato di cose è variabile da persona a persona ed incide in maniera diversa soprattutto in base alle risorse di coping  che una persona possiede.

"E’ importante sapere  che non si tratta né di depressione né di una autentica mancanza di capacità ed energia per affrontare la vita, quindi non serve ricorrere alle cure mediche o a specialisti. Le sensazioni spiacevoli che possono accompagnarci al rientro dalle vacanze sono naturalmente destinate a scomparire in breve tempo per lasciare spazio ai ricordi più belli e divertenti. Durante i primi giorni il nostro organismo deve riprendersi quel ritmo che la fluidità del tempo vacanziero ha destrutturato ricollocandolo e riportandolo alla  vita, comunque rassicurante, del quotidiano. E’ possibile però adottare qualche accorgimento che ci può aiutare ad affrontare con maggiore tranquillità il periodo post-vacanze. Sarebbe opportuno non rientrare il giorno prima della normale ripresa dell’attività lavorativa, ma una volta rientrati sarebbe meglio  riprendere le consuete attività con gradualità non facendosi  fagocitare dalla mole di lavoro, non “seppellirsi” in casa o in ufficio per i prossimi mesi ma ritagliare degli spazi, concedendosi una semplice ma benefica passeggiata durante la pausa pranzo. I nutrizionisti consigliano una corretta dieta alimentare ricca di frutta e verdura,  piccoli pasti durante l’intero arco della giornata composti da piatti semplici, poco elaborati e ben cotti”.

 

                                                                                                                        

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *