PERSONALE DI PITTURA “SICILIA 35 X 50” DI GIUSEPPE MARIO FREZZA

INAUGURAZIONE 15 MAGGIO 2022. Oltre alla interessante rassegna di film la programmazione dello Spazio Moby Dick voluta dal suo presidente Carmelo Failla e socio Elvio Amaniera, prevede una rassegna artistica e figurativa, tra aprile, maggio e giugno, curata da Claudio Bonaccorsi.

E’ stata inaugurata il 15 maggio 2022 alle ore 18,30 la personale di pittura dal titolo: “SICILIA 35×50” del maestro Giuseppe Mario Frezza, che ci fa rivivere la Sicilia con un percorso sui colori e odori ammalianti dei paesaggi siciliani per attraversare come in un viaggio immaginario “la Sicilia della memoria" in una misura insolita di tele cm. 35X50 da cui prende il titolo la mostra, visitabile fino al 25 maggio 2022 ad ingresso libero nei giorni feriali dalle 16:00 alle 20:00.

Il Maestro Frezza ha voluto nell'occasione fare un’eccezione esponendo un’ opera dedicata a Giovanni Verga in omaggio al Centenario (1922/2022) della sua dipartita, dal titolo “Il Verismo del Verga”, la Prof.ssa Nellina Ardizzone (Presidente Club per l’Unesco di Acireale) intervenuta all’evento ha dichiarato che la Mostra “SICILIA 35 X 50” ha immortalato arti, antiche tradizioni, profumi e leggende della “Nostra Unica e Meravigliosa Isola” rilasciando una sua interpretazione critica sull’opera.

“E’ INCONFONDIBILE IL RESPIRO DELLA SICILIANITA’ ED IL VERGA E’ MOLTO RICONOSCIBILE NELLA SUA ESPRESSIONE AUSTERA., UNA VERA RICAPITOLAZIONE DELLE TEMATICHE DELLO SCRITTORE, TRASPOSTE IN UN PIANO DI ASSOLUTA BELLEZZA”  a seguire la Performance teatrale in omaggio a Giovanni Verga del Regista e attore Alfio Guzzetta e della attrice Letizia Tatiana Di Mauro che hanno regalato dal vivo emozioni recitativi coinvolgendo il pubblico presente, I momenti salienti della serata sono stati immortalati dal Photografer Claudio Bonaccorsi e dal Videomaker Toni Rapicavoli.

BIOGRAFIA: GIUSEPPE MARIO FREZZA Laureatosi all'Accademia Belle Arti di Catania con il prof. Paolo Giansiracusa (storico d'arte). Allievo del Maestro della pittura folkorica dei carretti siciliani Domenico Di Mauro e, del Prof. G. Vanchieri, ha sempre manifestato la sua passione per l'arte, sperimentando nel tempo diverse tecniche, dall'acquerello all'incisione, ma specializzandosi ed emergendo nella pittura a pastello. Le stesse doti artistiche che, suscitando profonde suggestioni, hanno ispirato i versi di numerosi scrittori come La Paglia, Nicolosi, Zitelli, Iacona, Venticinque, Leone i quali hanno dedicato loro componimenti poetici alle sue opere, apprezzate dalla critica e dal pubblico, sono state esposte in mostre e personali in Sicilia e all'estero, al "Salon dell'art de vivre italien" di Parigi, alla VII edizione settimana della lingua italiana nel mondo di Ginevra (Svizzera), all'Industrie et Commerce Italian di Dubai (Emirati Arabi), a Innsbruck (Austria) e Città del Vaticano, Museo Civico Belliniano Catania. L'artista ha partecipato ad innumerevoli iniziative e manifestazioni di solidarietà sociale, oltre ad aver ricevuto numerosissimi premi, tra cui ricordiamo: nel 2006 il Premio Internazionale "Giara d'Argento" e il premio internazionale Accademia "I Micenei": nel 2009 il “PREMIO LIVATINO" (impegno sociale) al centro Woityla di Mascali ;nel 2017 il Premio alla Carriera “AQUILA di FEDERICO II di Svevia” X Edizione di OMNIArteFestival patrocinato dal Comune di Aci Castello e OMNIARTEVENTI Nel 2018- PREMIO UOMO SICILIANO DELL’ANNO 2018. e nel 2019 viene insignito del Titolo di CAVALIERE DELL’ORDINE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Durante il suo percorso artistico ha effettuato delle donazioni, una tra le più significative quella avvenuta ad Aprile 2014 in occasione dell'Udienza Generale in Roma, ha personalmente donato una propria opera dal titolo "S. Agata, Mito Celestiale" al Santo Padre PAPA FRANCESCO. Altro percorso artistico nel 2015 ha presenziato presso il foyer del Teatro Massimo Bellini amante della sua terra e dedicando al grande compositore catanese Vincenzo Bellini una propria opera "Omaggio a Bellini" alla prima Mondiale "Cigni di Bellini" praline di cioccolato di Modica create dal M. Giuseppe Rizza. Varie edizioni del “Premio Bellini d’Oro” presso il Teatro M. Bellini e Teatro Sangiorgi e in ultimo al convegno presso il Palazzo della Cultura “La natura nelle opere del Verga”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *