Mostra Rievolution a Catania: dal 7 settembre è possibile visionare i Grandi Rivoluzionari dell’Arte Italiana

Nelle prestigiose sale del Palazzo della Cultura di Catania è possibile visionare, dal 7 settembre 2023 al 7 gennaio 2024, la mostra “RIEVOLUTION”: I grandi rivoluzionari dell’Arte italiana, dal Futurismo alla Street Art.

La mostra è prodotta da Dietro Le Quinte arte contemporanea e da Emergence Festival, co-organizzato dal Comune di Catania, con il patrocinio della Regione Sicilia, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Catania e con la collaborazione scientifica e organizzativa di Edieuropa QUI arte contemporanea. Curatori della mostra sono Raffaella Bozzini e Giuseppe Stagnitta che nel 2021 ha curato e prodotto al Palazzo della Cultura la mostra “Warhol Bansky, confronto tra le due superstar della comunicazione”, uno degli eventi espositivi di maggior successo degli ultimi anni in Sicilia.

Il Comitato scientifico della mostra, presieduto da Marco Di Capua, è costituito da importanti critici d’arte, studiosi, tra i quali Lucilla Meloni, Giusy Emiliano, Roberto Locci, Leonardo Clerici e Roberto Bilotti. La mostra vuole ripercorrere il secolo più innovativo e rivoluzionario dell’arte italiana, offrendo uno  sguardo articolato sui fenomeni di trasformazione del pensiero, dall’inizio del Novecento fino ad oggi, creando una continua dialettica dinamica tra passato e presente.

Attraverso un percorso espositivo innovativo, che si articola in modo informale e svincolato dalle caratteristiche del proprio tempo, si passa dal Futurismo all’Astrattismo, dall’Arte Povera a quella Cinetica, dalla Metafisica alla Transavanguardia per arrivare alla Street Art, spontanea e rivoluzionaria, attraverso un dialogo tra gli artisti, accomunati dal genio e dall’originalità delle opere stesse.

L’obiettivo è una rivoluzione estetica per un’educazione estetica. Un invito per i visitatori ad allenare l’occhio e la mente alla percezione di opere che, prescindendo dalle correnti artistiche e di pensiero, poste una accanto all’altra fuori dal contesto teorico, esprimono al meglio la loro essenza, a volte proprio sottolineando la loro opposizione e differenza. Il focus è la genialità dell’artista e le sue sperimentazioni, sia nel linguaggio artistico che nelle arti applicate, e la rivoluzione all’interno del percorso stesso.

Ben Centotrenta le opere in mostra tra tele, sculture, arti applicate, istallazioni, video, fotografie, opere rilevanti, di cui la maggior parte sono state esposte nei più importanti Musei di arte contemporanea del mondo e che provengono direttamente dagli artisti, dagli Archivi e dalle Fondazioni, oltre che da importanti collezioni private. La mostra dedica spazio anche ad altre arti, come la fotografia e il cinema, linguaggi rivoluzionari figli del XX secolo, connotati fin dalla loro nascita da sperimentazione e innovazione e che hanno cambiato per sempre il corso della storia.

In mostra importanti opere di: Filippo Tommaso Marinetti, Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Giulio D’Anna, Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Mino Delle Site, Enrico Prampolini, Vinicio Paladini, Gino Severini, Mario Sironi che esprimono quella che fu la rivoluzione del Futurismo all’inizio del XX Secolo; Giorgio De Chirico esponente dell’Arte della Metafisica; i Maestri dell’Astrattismo Afro, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Lucio Fontana, Bice Lazzari, Piero Manzoni, Fausto Melotti, Gastone Novelli, Toti Scialoja, Emilio Vedova;  Carla Accardi, Piero Consagra, Piero Dorazio, Achille Perilli, Antonio Sanfilippo, Giulio Turcato; gli esponenti dell’Arte Povera Alighiero Boetti, Mario Ceroli, Piero Gilardi, Sergio Lombardo, Jannis Kounellis, Gino De Dominicis, Fabio Mauri, Mario Merz, Maurizio Mochetti, Gino Marotta, Pino Pascali, Giulio Paolini, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini, Gilberto Zorio; gli artisti di “Piazza del Popolo” Franco Angeli, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Mario Schifano; l’Arte Concreta di Bruno Munari, Mauro Reggiani, Luigi Veronesi; l’Arte Cinetica e Programmata di Alberto Biasi, Gianni Colombo, Grazia Varisco; la Transavanguardia di Sandro Chia, Enzo Cucchi, Mimmo Paladino e poi Maurizio Cattelan, Arturo Di Modica, Maria Lai, Felice Levini, Emilio Leofreddi, Nunzio, Umberto Mastroianni, Vettor Pisani, Franco Politano, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Rotella, Salvatore Scarpitta, e poi il gruppo di ricerca artistica che si esprime con i linguaggi delle nuove tecnologie come Studio Azzurro; per la Fotografia Luigi Ghirri, Mario Giacomelli e Luigi Veronesi per la Street Art Rae Martini, KayOne, Geco, Jbrock, Microbo, Bo130, Cuoghi Corsello, Kaf, Pao, Bros, Sten Lex, Enricailcane e Blu.

a Cognita Design production
Torna in alto