Mondiali 2014: magia di Götze, la Germania è campione del mondo

Nella finale del campionato del mondo 2014 la Germania supera con una prodezza di Götze al 113’ l’Argentina e diventa per la quarta volta nella sua storia campione del mondo. In tribuna ad esultare c’è anche la cancelliera Angela Merkel

A Rio de Janeiro, nel mitico stadio Maracanà, la Germania, nella finale della coppa del mondo 2014, batte l’Argentina per 1-0 con un gol di Götze al 113’ e diventa per la quarta volta nella sua storia campione del mondo.

E’ la prima volta che una squadra europea vince in un campionato del mondo organizzato nel continente americano ed è la terza finale nella storia del mondiale tra Germania e Argentina, dopo Messico 1986, Italia 1990.

Stasera ha vinto la squadra migliore, quella che ha dimostrato nell’arco di tutto il campionato di essere superiore con una migliore organizzazione di gioco, solidità e soprattutto con un progetto vincente che porta avanti da anni.

Basti pensare al gol di Götze servito da Schürrle, due ragazzini entrati dalla panchina a testimoniare il fatto di quanto sia forte la rosa della Germania, che gioca insieme da anni e che ora raccoglie i frutti.

Dall’altra parte troviamo un’Argentina che sicuramente non ha demeritato, infatti nel corso della partita sono proprio gli argentini a sprecare due grosse occasioni con Messi e Higuain. La partita della Germania inizia nel peggiore dei modi, infatti i tedeschi devono subito rinunciare a Khedira per un guaio muscolare rimediato durante il riscaldamento prepartita e dopo mezz’ora di gioco è Kramer a dover abbandonare il terreno di gioco per infortunio.

Il primo tempo scivola via con una Germania contratta e nervosa e un’Argentina sicura di sé che quando può colpisce in contropiede. Le migliori occasioni nel primo tempo sono di Higuain per l’Argentina che divora un gol al 21’ e del tedesco Höwedes che al 46’ colpisce il palo. Il secondo tempo inizia con Messi che si invola verso la porta tedesca, ma il suo diagonale finisce fuori .

La partita è equilibrata con occasioni da entrambi le parti, nessuno riesce a sbloccarla il risultato che rimane piantato sullo 0-0 e si va ai tempi supplementari. Da segnalare ancora una ghiotta occasione da parte dell’Argentina con Palacio ma si vede che non è serata.

Al 113’ il gol di Götze che regala la coppa del mondo alla Germania.

Il popolo tedesco è in festa, in tribuna ad esultare c’è anche la cancelliera Angela Merkel. Unica consolazione per l’Italia è la buona prestazione del nostro arbitro Rizzoli.

Le dichiarazioni nell’immediato post partita.

Germania:

Mario Götze: "Essere campioni del mondo è una gioia incredibile, non riesco a descriverla".

Più equilibrato l'esperto capitano Lahm: "Non so se siamo i migliori giocatori del mondo, ma abbiamo giocato meglio di loro". "Era il mio sogno - conclude Lahm - ed è proprio bello riuscire a vincere come prima squadra europea in America".

Il portiere Manuel Neuer: "E' una gioia veramente incredibile, ora festeggeremo minimo cinque settimane. E quando finiremo di festeggiare ci dovranno svegliare".

Argentina:

Mascherano: "E' un dolore immenso". "Questa tristezza rimarrà per tutta la vita".

Il c.t. Sabella: "Poteva vincere qualsiasi delle due squadre".

IL TABELLINO

Germania-Argentina 1-0 dts

Marcatori: 113Götze Germania (4-3-3): Neuer 7; Lahm 7, Boateng 7, Hummels 6,5, Hoewedes 5,5; Kramer 6 (31' Schuerrle 6,5), Schweinsteiger 6,5, Kroos 5; Mueller 7, Klose 6,5 (88' Goetze 7,5), Oezil 5 (115' Mertesacker sv). A disp.: Zieler, Weidenfeller, Grosskreutz, Ginter, Durm, Draxler, Khedira, Podolski. All.: Loew 8.

Argentina (4-4-2): Romero 7; Zabaleta 6, Demichelis 5,5, Garay 5, Rojo 5; Biglia 5,5, Mascherano 7, Perez 5,5 (86' Gago 5), Lavezzi 6,5 (46' Aguero 5); Messi 5, Higuain 5 (78' Palacio 5). A disp.: Andujar, Orion, Campagnaro, F. Fernandez, Basanta, Di Maria, Maxi Rodriguez, A. Fernandez, Alvarez. All.: Sabella 5,5.

Arbitro: Rizzoli

Ammoniti: Schweinsteiger, Hoewedes (G); Mascherano, Aguero (A)

Angoli: 5-3. Rec.: pt 4', st 5'

 

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *