LAMEZIA TERME – ACIREALE 1-3: ACIREALE, LA VETTA ADESSO E’ TUA

Grazie alla “partita perfetta” sul campo dei più quotati avversari candidati alla promozione diretta, l’Acireale si impone prepotentemente e meritatamente. È forte il segnale, che gli uomini di De Sanzo hanno dato adesso al campionato, ma guai a montarsi la testa, siamo solo a dicembre anche se i “ragazzini terribili granata” stanno facendo sognare una intera città.

Buona la cornice di pubblico al “Guido D’Ippolito” di Lamezia Terme, dove i gialloblu si presentano in vetta della classifica per il "big match" della 16° giornata. Gli uomini di Lio sono reduci dal buon pareggio di Cittanova, mentre i ragazzi di De Sanzo, dalla sofferta vittoria di mercoledì contro il Real Aversa.

I primi minuti di gioco sono di studio, dove si fa preferire il Lamezia che prova ad impensierire la difesa dell’Acireale, infatti al 15’, Bollino ci prova, dopo il cross per Umbarca, ma la palla colpita di testa finisce alta sopra la traversa.

È solo però un “fuoco di paglia” perché i granata crescono alla distanza, e diventano padroni del campo.

Al 16’ Savanarola fa le prove del goal, ma la palla colpita, dopo la sponda di Piccioni scheggia il palo e finisce fuori.

Pressa sull'acceleratore l’Acireale e al 22’ passa, angolo di Russo, e colpo di testa di Garetto che anticipa tutti e deposita alle spalle di Lai, per lo zero a uno.

Al 39’ Bollino potrebbe pareggiare ma il suo colpo di testa su cross di Miliziano è centrale e facile preda di D’Alterio.

Si chiude la prima frazione di gioco con il vantaggio meritato dell’Acireale.

Nel secondo tempo, il Lamezia prova ad alzare il baricentro ma l’Acireale respinge tutti gli attacchi e si fa preferire.

Su una bella ripartenza al 63’, Todisco entra in area ben servito da Savanarola, ma viene atterrato da Miceli. Rigore e secondo giallo per il difensore che lascia in dieci i suoi compagni.

Sul dischetto si presenta Piccioni che fa 0-2 Acireale.

I granata vanno sul velluto e trovano il tris con Piccioni 2 minuti dopo, che di collo mette in rete la palla crossata da Todisco.

Il Lamezia è tramortito, ma un errore di Cannino al 74’ permette a Rusesco di servire in profondità Provazza, che si invola in area e tutto solo davanti a D’Alterio, lo trafigge per l’1 a 3.

Al 85’ si fa espellere anche Maimone per doppia ammonizione, lasciando i suoi compagni in nove, dopo una entrata pericolosa su Todisco.

Al 93’ L’Acireale potrebbe calare il poker ma il tiro di Brumat, neo entrato, viene deviato in angolo dall'estremo difensore locale.

Si chiude la contesa con la vittoria dell’Acireale, l’ennesima a domicilio dopo quella con la Gelbison al Vallo della Lucania, contro un’altra pretendente alla vittoria finale.

L’Acireale sta dimostrando, oggi, di meritare la prima posizione in classifica, ma è consapevole e matura di capire che siamo solo a dicembre e i campionati si vincono a maggio.

 

IL TABELLINO

LAMEZIA TERME (4-2-3-1): Lai; Miliziano (26’st Sirignano), Miceli, Camilleri, Tipaldi (12’st Bezzon); Maimone, Tripaldi; Da Dalt (17’st Herrera), Umbaca (5’st Corapi), Bollino (26’st Provazza); Rusescu. A disp: Gentile, Bernardi, Haberkon, Amendola. All. Lio.

ACIREALE (3-4-2-1): D’Alterio; Cannino, De Pace, Cadili; Tumminelli (35’st Brumat), Cristiani, Garreto (24’st Correnti), Todisco; Savanarola, Russo; Piccioni (35’st Ortolini). A disp.: Ruggiero, Joao Pedro, Cesarano, Esposito, Giordano, Cottone. All. De Sanzo.

ARBITRO: Robilotta di Sala Consilina., Assistenti: Vitale di Salerno e Russo di Torre Annunziata.

RETI: 22’ Garretto, 64' Piccioni (rig), 66' Piccioni, 74' Provazza.

NOTE: spettatori 1500 circa con una decina da Acireale. Espulsi al 63' Miceli e al 85' Maimone per somma di ammonizioni

 

In sala stampa si presentano i tecnici delle due compagini scese in campo.

Il primo ad arrivare è un raggiante De Sanzo che parla della migliore partita fatta fin adesso dell’Acireale, al quale è riuscito tutto. La sua squadra ha dominato per tutta la gara, nonostante i problemi noti degli indisponibili. E’ contento per i ragazzi, dove la felicità, la gioia di questa meritata vittoria, la meritano tutta.

Dall’altra sponda, interviene il tecnico del Lamezia Terme Lio, insieme al direttore sportivo Mazzei.

Il Tecnico, tiene a precisare che è la prima volta che il Lamezia ha sofferto le palle inattive, e lì davanti la poca lucidità ha creato la sterilità offensiva.

Il Ds, invece parla di fare quadrato, e chiede di rimanere compatti in questo brutto periodo dove si è tutti colpevoli di questa "debacle". Si deve resettare, stare tranquilli e lavorare, senza farsi prendere dalla tensione.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *