La funzione delle aree naturali protette nella mitigazione dell’inquinamento

Presentato il progetto realizzato dal Cutgana dell’ateneo catanese e dall’istituto Carlo Gemmellaro di Catania nell’ambito della European Green Week.

Il ruolo delle aree naturali protette nella tutela e valorizzazione dell’acqua, un bene prezioso e vitale per tutti noi. Un tema su cui da decenni si confrontano esperti di tutto il mondo e su cui è incentrato il progetto “La funzione delle aree naturali protette nella mitigazione dell’inquinamento” realizzato dal centro Cutgana dell’ateneo catanese e dall’Istituto di istruzione superiore “Carlo Gemmellaro” di Catania.

Ad illustrare il progetto, che vedrà come protagonisti oltre 150 studenti del “Gemmellaro” diretto dalla prof.ssa Concetta Valeria Aranzulla, nel corso di un webinar che si è svolto nei giorni scorsi, sono state la docente Cinzia Scapellato per l’istituto scolastico etneo e la dott.ssa Emilia Musumeci dell’Università di Catania.

Un progetto che sarà sviluppato dall’ateneo nell’ambito dell’edizione 2021 della European Green Week, la Settimana verde dell’Unione europea, in programma dal 31 maggio al 4 giugno, quest’anno dedicata al tema “Inquinamento Zero, più salute per le persone e per il pianeta”.

«Temi che sono tra i pilastri dell’European Green Deal – spiega la dott.ssa Emilia Musumeci -, L’acqua insieme al suolo e all’aria sono al centro degli obiettivi per il 2021 della Commissione Europea per garantire ecosistemi sani e un ambiente di vita migliore per gli europei. L’acqua è un bene prezioso, un patrimonio presente sulla Terra che è nostro dovere proteggere. Le acque inquinate, infatti, rappresentano un grave rischio per la salute dell’uomo e per il benessere dell’ecosistema oltre che ad essere assolutamente dannose per l’ambiente. Basti pensare alla contaminazione dei bacini idrici che colpisce gli animali, le piante, le coltivazioni, compromettendole, oppure alle sostanze inquinanti che penetrano nella catena alimentare, causando malattie, malformazioni e il rischio di perdita di numerose specie».

«In questo contesto – spiega la dott.ssa Emilia Musumeci - le aree naturali svolgono un compito molto importante nella tutela di questo bene prezioso. Le acque superficiali, sotterrane e gli ambienti umidi custodiscono per il pianeta una abbondanza di biodiversità di servizi e beni che influenzano positivamente il benessere fisico, lo stato di salute e anche economico dell’umanità».

«L’inquinamento colpisce tutti tramite l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo o la terra su cui coltiviamo il nostro cibo – aggiunge -. È la principale causa ambientale di molteplici malattie e di morte, ma non colpisce tutti allo stesso modo, le persone che vivono in aree più svantaggiate spesso abitano vicino a siti contaminati o in aree dove c’è un flusso di traffico molto elevato. L’inquinamento è anche uno dei motivi principali della perdita di biodiversità provocando l’impoverimento degli ecosistemi e riducendo per l’uomo la possibilità di avere risorse sostenibili».

«La Settimana Verde sarà dunque l’occasione per analizzare le iniziative del Green Deal europeo sul clima e sull’imminente strategia per le sostanze chimiche, ma anche nei settori dell'energia, dell'industria, della mobilità, dell'agricoltura, della pesca, della salute e della biodiversità – aggiunge -. Sarà importante anche per la ripresa dalla pandemia contribuendo a ricostruire un’economia europea più sostenibile con la creazione di opportunità di lavoro e riduzione delle disuguaglianze sociali. Un’occasione anche per far conoscere alle nuove generazioni il ruolo dell’Europa nella tutela del territorio di tutti gli Stati membri e le strategie da adottare per non perdere l’occasione di trasformare le sfide ambientali in opportunità in tutti i settori rendendo la transizione equa e inclusiva per tutti».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *