Incontro di CittadinanzAttiva con l’Assessore regionale alla Famiglia, Politiche sociali e Lavoro, Mariella Ippolito

 "Servizi Sociali con al centro della loro azione la persona, rispettandone la dignità e rispondendo ai suoi bisogni. Diritto al lavoro di coloro che operano nel settore", questo il titolo dell'importante convegno svoltosi ieri pomeriggioIMG_20180510_172313

Ieri, giovedì 10 maggio, alle ore 16,00, presso la Sala consiliare di Palazzo dei Leoni, ex provincia regionale, via Cavour, si è svolto l’atteso convegno, organizzato da  CittadinanzAttiva-Tribunale per i Diritti del Malato, dal titolo “Servizi Sociali con al centro della loro azione la persona, rispettandone la dignità e rispondendo ai suoi bisogni. Diritto al lavoro di coloro che operano nel settore” alla presenza della dott.ssa Mariella Ippolito, Assessore alla Famiglia, Politiche sociali e Lavoro.

Il Convegno voluto da CittadinanzAttiva, presieduta dal dott. Giuseppe Pracanica, ha visto le relazioni introduttive tenute da Dario Caroniti, Procuratore dei cittadini CittadinanzAttiva e da Angela Rizzo, Responsabile regionale dell’Area Socio/Assistenziale della stessa Associazione, mentre Pippo Greco, Segretario regionale di CittadinanzAttiva, ha presieduto e introdotto l’importante convegno al quale sono stati invitati anche i lavoratori delle Cooperative  che operano o operavano per i Servizi Sociali, gli utenti e i loro familiari. Vi è la necessità di introdurre interventi atti a garantire qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza.

CittadinanzAttiva, da sempre operante contro le criticità legate alla sanità e ai diritti dei cittadini, specialmente degli ultimi, di chi non può o non sa come difendersi, ha ribadito che la grave situazione economico-finanziaria che affligge Messina comporta la necessità di avere, anzitutto, un’adeguata risposta da parte dei Servizi Sociali, che finora non c’è stata. E’ indispensabile che i Servizi Sociali mettano al centro della loro azione il servizio alla persona, rispettandone la dignità e rispondendo ai suoi bisogni ed è altrettanto indispensabile non sottovalutare il diritto al lavoro di coloro che operano nel settore. Come riconoscere e tutelare entrambi questi diritti e cercare di dare risposta a tale quesito lo si è chiesto alla Assessore alla Famiglia, Politiche sociali e Lavoro, Mariella Ippolito che, parlando col cuore su questa tematica, come lei più volte ci ha tenuto a dire, ma la cui sensibilità è stata avvertita anche dalla platea dei presenti, ha detto che: “E’ doveroso denunciare le cose che non funzionano, denunciare i fatti che ostacolano e sviliscono questi lavoratori e le famiglie con portatori di handicap”. “L’arma più potente che c’è è la carta e la penna…scrivetemi…!” ha più volte esortato.cittadinanza-attiva

Pippo Pracanica introducendo i lavori a nome di Cittadinanzattiva, dopo aver ringraziato vivamente l’assessore regionale alla Famiglia, Mariella Ippolito, ha preso atto, con soddisfazione, che oggi esiste una perfetta sinergia tra l’assessorato alla Famiglia e quello alla Salute, ha precisato alcuni degli obiettivi che persegue non solo Messina ma tutta la Sicilia:

  1. Mettere al centro dei servizi sociali l’uomo nell’assoluto, nel rispetto di chi lavora nel settore.
  2. Consentire all’INPS di operare in stato di legittimità approvando la legge di recepimento dei poteri concessori.
  3. Dare una risposta adeguata ai portatori di handicap ed alle loro famiglie.
  4. Che si chiarisca una volta per sempre il problema della compartecipazione alla spesa per l’assistenza sociale. Perché a Catania e Palermo non si paga ed a Messina si?.
  5. Emanare, assieme all’Assessorato alla Salute, direttive univoche per quanto riguarda il passe per i minorati psichici, i bambini autistici, etc…, in considerazione che ad alcuni viene concesso ad altri no.

Per quanto riguarda Messina abbiamo chiesto al Policlinico di sottoscrivere apposita convenzione con l’INPS per facilitare le procedure per il riconoscimento e la concessione dei relativi benefici per i bambini autistici.

Abbiamo cercato di sapere come vengono spese le somme per curare i bambini autistici della nostra provincia atteso che del milione di euro circa loro destinato, alla struttura pubblica arrivano solo 90.000 euro.

Vorremmo anche sapere perché non si riesce a far partire il Bioparco di Mortelle destinato alla cura dei bambini autistici nonostante vi siano le strutture, i soldi, circa 22 milioni e quant’altro.

Pippo Greco, Segretario regionale di CittadinanzAttiva, ha fatto un tracciato della situazione dei servizi sociali: “Diciamo che è un area tra le più sensibili dal punto di vista sociale perché racchiude l’essenza più intima della disabilità e quindi su questo bisogna che ci misuriamo tutti sia dal punto di vista delle istituzioni ma anche dal punto di vista dei cittadini, quindi anche il mondo associativo che ruota attorno a questo ambito, sicuramente  anche i centri di riabilitazione e  tutti coloro che vogliono dare una mano per migliorare questa situazione in un momento particolarmente delicato”.

Dario Caroniti, Procuratore dei cittadini CittadinanzAttiva  alla fine dell’incontro ha voluto aggiungere: “L’importante che si riparta dal bisogno mettendo al centro la persona umana, i suoi bisogni, le sue esigenze, cercando di affrontarle secondo il principio di sussidiarietà, quindi partendo dalla famiglia e sostenendo appunto le famiglie che hanno un carico particolare, per la particolarità della loro condizione, della loro situazione interna, partendo proprio da chi ha più bisogno e quindi l’attenzione verso gli ultimi deve essere il punto nodale dal quale devono partire tutte le politiche sociali. L’Assessore ci ha fatto dei riferimenti a un significativo aumento di risorse nella Finanziaria per la disabilità e ci ha anche spiegato come tutto ciò passi anche da ostacoli frapposti dalla burocrazia locale, Asp, Comuni che sono in ritardo col piano di zona fermi a 5-6 anni fa e noi lo sappiamo bene. Speriamo che questo possa essere superato soprattutto da una rinascita e da un rinnovato interesse verso la nostra comunità”.

Angela Rizzo, Responsabile regionale dell’Area Socio/Assistenziale di CittadinanzAttiva a conclusione ha riportato  le sue impressioni su questo sicuramente positivo incontro: “Si è creato un corridoio di dialogo, abbiamo apprezzato le doti umane dell’Assessore che ha visto la situazione che c’è a Messina, ha constatato quello che sta succedendo a Messina. Penso che sia stato un incontro proficuo perché l’Assessore Ippolito ha dato delle indicazioni molto importanti e ci ha fatto capire come opererà e come sta operando l’Assessorato alla Famiglia, Politiche sociali e al Lavoro a Palermo. Sono molto più fiduciosa”.

Locandina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *