Goffredo Arena, un luminare, un“cervello in fuga” per 20 anni, da due anni ritornato in Sicilia

Per l’illustre Professore, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale e Oncologica dell’Ospedale Giglio, le risposte più oneste e più vere sono basate su fatti scientificamente valutabili e non devono essere basate su opinioni personali facilmente influenzabili da emozioni

Due anni fa da “cervello in fuga” che ero stato per 20 anni diventavo un “cuore che ritorna” e incominciavo la mia avventura nella terra che mi aveva dato i natali. Da due anni mantengo il silenzio e per due anni ho deciso di non rispondere alle domande di chi in privato mi chiedeva notizie, impressioni o commenti sul mio ritorno…La decisione di mantenere il silenzio era basata sulla convinzione che le risposte più’ oneste e più vere sono basate su fatti scientificamente valutabili e non devono essere basate su opinioni personali facilmente influenzabili da emozioni, istinti, vissuti personali e punti di vista limitati dalle proprie impostazioni culturali. In questi due anni, ho mantenuto il silenzio anche quando una tanto sciagurata quanto ignobile campagna di calunnia e diffamazione tentava di distruggere la mia figura di uomo e di professionista. Ho atteso, anche allora, optando per il silenzio perché in quel caso la risposta sarebbe comunque stata basata sugli stessi principi su cui i miei detrattori basavano le loro affermazioni: emozioni umane… Risposte a commenti basati su sentimenti negativi quali invidia e gelosia non avrebbero fatto altro che innescare atteggiamenti caratterizzati da frustrazione e senso di impotenza che dal mio punto di vista sono altrettanto nocivi quanto quegli stessi atteggiamenti da cui cercavo di difendermi. Ho scelto quel silenzio che non è assenza delle parole ma presenza dell’assenza che attende il momento giusto…Oggi è giunto il momento di dare la mia risposta e affidarla all’eleganza, alla precisione e alla correttezza dei numeri la cui innegabile onestà sono la base di una società moderna e avanzata che vuole prendere le distanze da una società che si basa sulle opinioni e sul sentito dire…

Il reparto di Chirurgia Generale del Giglio ha raggiunto e superato nel 2021 tutti i suoi obiettivi economici. Ha superato del 12% il budget dì produzione spendendo il 10% in meno sul budget di spesa previsto. La mortalità su interventi in elezione è stata 0% e il tasso di deiescenze anastomotiche dopo interventi colorettali è stato 1/140 che è tra i più bassi a livello nazionale. Colgo l’occasione in questa circostanza per ringraziare i miei strutturati di cui mi onoro di essere primario o meglio primus inter pares e il personale infermieristico la cui dedizione verso i pazienti è assolutamente encomiabile. Questo successo appartiene a voi e non sarebbe stato possibile senza ognuno di voi.

In molti mi hanno chiesto di MATERD e dei miei studi sulle patologie neoplastiche. Anche qui sebbene privato dei miei fondi sono riuscito a andare avanti a piccoli ma decisi passi. Ho dimostrato che MATERD riesce a predire la presenza di tumore nei noduli tiroidei con una sensitività del 93% confermando la sua assoluta precisione nello screening precoce di queste patologie. Siamo riusciti a creare inoltre un algoritmo che utilizza l’intelligenza artificiale per la diagnosi precoce dei tumori trasformando MATERD in MATERD Artificial Intelligence (MATER DAI). Il nostro desiderio è di convalidare i risultati su pazienti reclutati in Sicilia.

Mi è stato chiesto, infine, specialmente nei momenti di maggiore sconforto, potendo tornare indietro, se rifarei la scelta che ho fatto… Sebbene il Canada sia la mia seconda patria, la patria che mi ha dato la vita in termini professionali, il ritorno a casa, alle proprie radici è un momento unico, speciale e magico in cui l’uomo che era si incontra con l’uomo che sarà….il momento in cui ciò che sarai si incontra con ciò che eri, il momento in cui il futuro crea il presente e non viceversa…. Si torna non perché si vuole ricevere qualcosa ma perché si vuole dare tutto…Si torna non perché si vuole essere ringraziati ma perché si vuole ringraziare…Un cuore torna a casa non per essere amato ma per amare….E ancora oggi, nonostante tutto, alle molte persone che mi chiedono se, potendo tornare indietro, rifarei la scelta che ho fatto, lo semplicemente rispondo: non tornerei …. una volta…. ma cento volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *