F1 Gp Gran Bretagna, doppietta Mercedes: trionfa Hamilton davanti a Rosberg, terzo Vettel

L'inglese Hamilton vince nel “Gp di casa” davanti al compagno di squadra Rosberg. Ottimo Vettel: è terzo davanti alle Williams di Massa e Bottas. Il tedesco: «Senza pioggia niente podio». Infine Raikkonen chiude ottavo sull'altra Ferrari 

A Silverstone il pilota inglese della Mercedes concede il bis dopo la vittoria dell’anno scorso. Lewis Hamilton trionfa nel “Gp di casa, una vittoria che gli permette di allungare ancora in classifica piloti sul compagno di squadra Nico Rosberg, oggi secondo.

Succede di tutto in pista: dall’entrata della safety car alla pioggia, alle strategie dei piloti più o meno azzeccate o sbagliate.

Partenza sprint per le due Williams: Felipe Massa scatta dalla terza posizione e brucia le due Mercedes portandosi in testa.

Entra in pista subito la safety car per l’incidente tra le due Lotus di Grosjean e Maldonado, e al quarto giro dopo essere rientrata, Hamilton nel tentativo di beffare Massa va lungo, taglia la chicane e viene superato dall’altro pilota della Williams Bottas.

Dopo il primo pit-stop per il cambio gomme Hamilton si trova in testa, Massa è secondo seguito da Rosberg. La gara si decide intorno al 35esimo giro quando arriva la pioggia: Raikkonen è il primo a rientrare e monta le intermedie, una mossa che risulterà sbagliata o perlomeno affrettata visto che la pioggia cessa e Kimi precipita dietro.

Al 43esimo giro è invece Hamilton a rischiare con gomme intermedie. Sembra un azzardo, ma pochi secondi dopo si scatena un autentico nubifragio sopra Silverstone.

Anche il tedesco Vettel reagisce in tempo e monta immediatamente gli pneumatici da bagnato, tutti gli altri devono provvedere al cambio gomme nel giro successivo.

Grazie ad una strategia perfetta il pilota della Ferrari chiude il Gran Premio terzo dietro le due Mercedes. Da sottolineare infine il decimo posto di Fernando Alonso, al suo primo punticino mondiale in questa stagione.

A fine gara Sebastien Vettel sebbene soddisfatto per il risultato ottenuto ammette senza problemi: « La pioggia ha fatto la differenza, senza la pioggia non sarei qui sul podio. Abbiamo tenuto la testa bassa, siamo stati pazienti ed abbiamo aspettato l'inizio della pioggia ed è andata così. In Gran Bretagna è così da un momento all'altro arriva la pioggia e poi il sole, tutto ha funzionato bene, grazie a tutti».

Mentre l’altro pilota della Ferrari Raikkonen si prende la responsabilità delle soste effettuate: « Il pit stop anticipato? Si, ho deciso di entrare perché era molto bagnato era difficile superare le macchine davanti, erano troppo veloci in rettilineo. Ma la macchina era buona, ho deciso di entrare, ma poi ha smesso e ho anticipato di qualche giro».

Infine il team principal delle Rosse, Maurizio Arrivabene, da un lato esalta la strategia che ha permesso a Vettel di salire sul podio dall’altro bacchetta Kimi:« In caso di pioggia si lavora in due, la chiamata è del pilota. Quello che è successo con Kimi è evidente, è il pilota che deve giudicare come lavora la macchina, lui ha fatto una chiamata anticipandola ed è finita così».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *