EUROPA LEAGUE: fallimento Italia, sfuma la finale di Varsavia

Napoli senza gol in Ucraina, Fiorentina tra i fischi del Franchi. A giocarsi il trofeo ci saranno Siviglia e Dnipro. 

Chi sperava in una finale di Europa League tutta italiana è rimasto largamente deluso; mentre per la Fiorentina il discorso era però già stato compromesso dopo l’andata, per il Napoli è l’ennesima occasione sfumata per raggiungere un grande traguardo in questa stagione, considerato anche il valore dell’avversario decisamente inferiore agli uomini di Rafa Benitez. Così, mentre al Franchi il Siviglia passeggia sui resti di una Fiorentina contestata dai propri tifosi, in Ucraina gli azzurri si imbattono ancora una volta in un Boyko formato supereroe e non riescono a gonfiare la rete del Dnipro.

Alla Viola serviva un miracolo per recuperare il 3-0 dell’andata, miracolo che sembrava potersi avverare se Rico non avesse compiuto un intervento magistrale su Rodriguez in avvio. Invece, dopo soli 22 minuti il Franchi abbandona ogni speranza: zampata di Bacca che approfitta della dormita di Neto e 1-0 che manda, virtualmente, il Siviglia in finale. Pochi minuti dopo arriva il raddoppio della squadra ospite, complice un clamoroso liscio di Basanta nell’area piccola che favorisce la rete di Carriço.

Durante il resto della gara la squadra di Montella cerca di segnare almeno il gol della bandiera, con il Siviglia che pensa più a risparmiare le forze che a giocare. Il ritratto della doppia sfida lo si ha al 22’ della ripresa, con Ilicic che manda in curva un calcio di rigore e il pubblico del Franchi che esplode in urla e applausi ironici rivolti alla squadra. Alla fine dei 90 minuti, mentre gli spagnoli festeggiano la seconda finale consecutiva, Salah e compagni vengono travolti dai fischi dei loro tifosi, a conclusione di una doppia sfida che peggio non poteva concludersi.

Discorso diverso per il Napoli che, nonostante il pareggio al San Paolo, aveva tutte le carte in regola per centrare la finale di Varsavia. Benitez si affida ancora a Insigne con Gabbiadini nel ruolo di trequartista, lasciando in panchina Mertens e il capitano Hamsik. Gli azzurri si rendono pericolosi all’avvio grazie a una doppia occasione capitata a Higuain, che sulla sua strada trova però ancora Boyko a negargli la gioia del gol.

Nella ripresa è il Dnipro ad avere le occasioni maggiori per segnare e al 58’ arriva la doccia gelata per i partenopei: percussione di Konoplyanka sulla sinistra, cross al centro dove Seleznyov vince il duello con Britos e, di testa, segna il gol che fa esplodere lo stadio. Benitez si gioca la carta Mertens ed è proprio il belga a rendersi pericoloso in un paio di occasioni. Il Napoli però non riesce a trovare il pari e anzi rischia di subire la rete del 2-0 al 92’, con il colpo di testa di Matheus che si stampa sulla traversa, poco prima del triplice fischio dell’arbitro.

A Varsavia, il 27 Maggio, si contenderanno il titolo Siviglia e Dnipro mentre le due italiane escono a testa bassa e, probabilmente, parecchio ridimensionate.

I TABELLINI:

Fiorentina – Siviglia 0-2 (and. 0-3)

Fiorentina (4-3-3): Neto; Savic Basanta ( Pasqual 1’ s.t.) G. Rodriguez Alonso; Borja Valero ( Lazzari 40’ s.t.) Pizarro M. Fernandez ( Badelj 22’ s.t.); Joaquin Ilicic Salah. A disp.: Tatarusanu, Bernardeschi, Aquilani, Gomez. All.: Montella

Siviglia (4-2-3-1): Rico; Coke Carriço Kolodziejczak Tremoulinas; Mbia Krychowiak; Aleix Vidal Banega ( Iborra 10’ s.t.) Vitolo ( Reyes 29’ s.t.); Bacca ( Gameiro 25’ s.t.). A disp.: Beto, Navarro, Figueiras, Suarez. All.: Emery

Marcatori: 22’ Bacca, 27’ Carriço

 

Dnipro – Napoli 1-0 (and. 1-1)

Dnipro (4-2-3-1): Boyko; Fedetskiy Douglas Cheberyachko Matos; Kankava Fedorchuk; Luchkevych ( Matheus 22’ s.t.) Rotan Konoplyanka ( Bruno Gama 40’ s.t.); Seleznyov ( Kalinic 30’ s.t.).

A disp.: Lastuvka, Vlad, Bezus, Shakov. All.: Markevych

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Maggio Albiol Britos Ghoulam; Inler D. Lopez ( Henrique 34’ s.t.); Callejon Gabbiadini ( Hamsik 10’ s.t.) Insigne ( Mertens 16’ s.t.); Higuain. A disp.: Rafael, Koulibaly, Gargano, Jorginho. All.: Benitez

Marcatori: 13’ s.t. Seleznyov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *