Champions League: Real troppo forte per il Napoli ma resta aperta la porticina del San Paolo

I partenopei cedono alle merengues ma tengono aperto uno spiraglio per il passaggio del turno

benzema_goal_napoli

Una due giorni di Champions League tra sorprese, conferme e verdetti anticipati. Sono cominciati gli ottavi di finale per la conquista della coppa dalle grandi orecchie. Ha fatto parlare - e non poco - il largo successo del PSG di Emery che ha travolto il Barcellona di Messi, poi il successo del Benfica sul Borussia Dortmund di misura prima della goleada del Bayern Monaco sul ridimensionato Arsenal (5-1) nell'Arena bavarese.

Nella bomboniera del Bernabéu, infine, è sceso in campo anche il Napoli di Sarri, sconfitto per 3-1 dal forte Real Madrid di Zinedine Zidane. Le merengues si impongono sui partenopei al termine di una gara combattuta in cui ha prevalso il tasso tecnico stellare dei padroni di casa. Pronti-via e subito Reina protagonista, a sventare gli ottimi inserimenti di Benzema e compagni. La reazione azzurra è immediata e conduce i campani al gol con un Insigne strepitoso per l'1-0 illusorio. A mettere le cose in chiaro proprio Benzema, che al terzo tentativo mette in fondo al sacco il pallone del pari che spiana la strada ai madridisti.

Ad inizio ripresa l'uno-due fulminante: prima Kroos su assist di Ronado, poi Casemiro con una perla fantastica spezzano le gambe ad un Napoli generoso che tiene aperti i conti e con Mertens sciupa una clamorosa chance per riaprirla in vista del ritorno.

E proprio il match del San Paolo lascia aperto uno spiraglio, un barlume di speranza col fattore campo primo protagonista. Sarà importante che i leader del gruppo prendano per mano il gioco e con carisma e determinazione provino a conquistare l'impresa, nonostante la difficoltà di dover incontrare la squadra campione d'Europa e del Mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *