Bologna: tutte le iniziative per il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini

A 100 anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini, avvenuta il 5 marzo 1922 a Bologna, la città lo celebra con un ricco cartellone di iniziative:

- PPP | 100 anni di Pasolini a Bologna (pppbologna.it ) un calendario costantemente aggiornato di mostre, eventi, proiezioni, iniziative e spettacoli curati dal Comune e dalle realtà culturali del territorio nel corso di tutto il 2022. Nel cartellone confluiscono numerose progettualità a cui si andranno ad aggiungere nuove iniziative ad arrivare alla fine dell’anno.

- #QUIPASOLINI: un percorso urbano alla scoperta dei luoghi pasoliniani costruito con le immagini e le parole dell’artista. Dalla casa natale al Liceo Galvani, dove si diplomò nel 1939, dall’Università, nella cui Facoltà di Lettere si laureò, alla Libreria Nanni sotto al Portico della Morte, dove nacque la sua passione per la letteratura, dal Portico dei Servi in cui girò Edipo Re nel 1967 a Villa Aldini, set del suo ultimo, scandaloso capolavoro, Salò o le 120 giornate di Sodoma; e ancora lo Stadio, Piazzetta Pasolini, sede dell’Archivio donato nel 2003 al Comune da Laura Betti, la ex Gam, che lo vide protagonista di una storica performance assieme a Fabio Mauri, e naturalmente Palazzo d’Accursio, ideale cuore delle celebrazioni e punto di inizio della mostra a cielo aperto, che prova a restituire ‘il Pasolini uomo e il Pasolini bolognese’.

- Visite guidate gratuite promosse dal Comune di Bologna ogni sabato mattina fino a ottobre nei  luoghi pasoliniani, alla scoperta di un Pasolini meno conosciuto e fortemente radicato nella città, attraversando in un unico itinerario diverse tappe legate alla vita e all’opera del grande artista. Prenotazioni su: pppbologna.it e bolognawelcome.it.

- Mostra "Pier Paolo Pasolini. Folgorazioni figurative": allestita nel nuovo spazio espositivo del Sottopasso di Piazza Re Enzo a Bologna, la mostra rappresenta il capitolo centrale, ma non unico, dell’omaggio che la Cineteca di Bologna dedica a Pasolini e che si compone inoltre di una pubblicazione, Pasolini e Bologna. Gli anni della formazione e i ritorni, che si aggiunge al catalogo della mostra.

- Mostra presso la biblioteca dell'Archiginnasio dal 6 luglio al 27 agosto incentrata sull’epistolario tra Pasolini e Roberto Roversi ai tempi della redazione della rivista Officina.

- Podcast a puntate: Un poeta sotto ai portici un viaggio dalla scoperta dell’intellettuale, anche sulle tracce di un possibile dialogo tra passato e presente. Protagoniste dei vari podcast le voci di molti bolognesi, di nascita o per adozione, tra cui il Cardinale Matteo Maria Zuppi, il teologo Vito Mancuso, la violinista Laura Marzadori, l’archistar Mario Cucinella e il regista Francesco Costabile. I singoli podcast vengono pubblicati su Spreaker e sulle principali piattaforme di ascolto (Spotify, Apple Podcast, iHeartRadio)  a cadenza bisettimanale.

- In autunno, nelle biblioteche della città sono in programma una serie di incontri con tutti quegli autori che hanno realizzato graphic novel incentrate sulla figura di Pasolini.

A 100 anni di distanza vogliamo celebrare uno dei figli più illustri di Bologna rivendicandone una paternità, o maternità, non a tutti nota, spesso rimossa nell’attribuzione dell’appartenenza friulana o romana del grande intellettuale e artista” dichiara il sindaco Matteo LeporeÈ a Bologna che Pasolini ha trascorso gli anni della giovinezza e della formazione, qui ha stretto grandi amicizie, qui si è sperimentato negli scritti degli esordi, qui ha affinato il suo sguardo sul mondo. Ed è proprio pensando a Bologna come città dove ancora oggi nasce e si esprime il pensiero libero che, insieme a tante realtà pubbliche e private della città, vogliamo rendere omaggio ad uno dei più grandi pensatori del Novecento”.

(fonte: Città metropolitana Bologna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *