Atletico Madrid, riecco Diego Costa

Dopo tre anni al Chelsea, Diego Costa torna all'Atletico Madrid, squadra che gli ha permesso diventare il fenomeno che è oggi.

12

Ufficiale il ritorno del calciatore brasiliano, naturalizzato spagnolo, all'Atletico Madrid dal Chelsea per la cifra di 60 milioni di euro più bonus. L'attaccante numero 19 potrà allenarsi fin da subito con il suo nuovo club, ma potrà scendere in campo solamente da gennaio. Lui che aveva fatto esplodere tante di quelle volte il Vincente Calderon ed ora potrà tornare a farlo, ma questa volta presso la nuova casa dei Colchoneros, ovvero il Wanda Metropolitano. 

Diego Costa dopo tre stagioni con i blues ha deciso di tornare a "casa", nel club che l'ha consacrato il campione che è oggi, anche a causa degli screzi con il coach dei blues Antonio Conte. 

Arrivato a Madrid nel 2010 nei primi due anni in biancorosso realizza ben 28 presenze e 6 gol. Nel 2012 viene ceduto proprio dall'Atletico in prestito al Rayo Vallecano con il quale scende in campo 16 volte e mette a segno ben 10 marcature. Viste le sue grandi doti da finalizzatore e da rapinatore all'interno dell'area di rigore, l'Atletico Madrid decide di lasciarlo in rosa dove ci rimarrà da titolare fino alla fine della stagione 2014. Vincerà una Liga, una Coppa di Spagna, due supercoppe europee e disputerà una finale di Champions League nel 2014, persa contro il Real Madrid a Lisbona. Chiuderà questa prima esperienza con i Rojiblancos con 66 presenze e 37 reti. 

Il 1° luglio del 2014 viene ufficializzato il suo passaggio al Chelsea per l'ingente somma di 40 milioni di euro, pari alla somma della sua clausola rescissoria. Amore, che si può definire, mai sbocciato quello tra l'attaccante spagnolo ed il club inglese, come anticipato, soprattutto dopo l'approdo di Antonio Conte sulla panchina londinese. Diego Costa lascia il Chelsea con 52 gol segnati in 89 presenze e, un palmares più ampio, incrementato dalle due vittorie in Premier League e dalla vittoria in Coppa di Lega. 

Oggi Diego Costa si può considerare nuovamente un giocatore dell'Atletico Madrid, anche se dovrà aspettare qualche altro mese prima di tornare a "masticare" il terreno di gioco.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *