“Alice nel paese di … Alice” e la complicata evoluzione della crescita

Sul palco di Spazio Bis, la nuova sala teatrale della Compagnia Buio in Sala fondata dagli attori e registi Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia all’interno della scuola di formazione artistica teatrale Buio in Sala al centro polifunzionale Leonardo Da Vinci, domenica 19 febbraio, alle ore 10.30, per la rassegna “Sguardi” dedicata ai bambini andrà in scena “Alice nel paese di ..  Alice” di Laura Accomando e Diletta Borrello.
È una fiaba sull’importanza di essere buoni, sul rispetto, sulla collaborazione e sulle difficoltà della crescita- dichiarano le due autrici cosdiuvate dalla supervisione artistica di Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia– la cui protagonista  incontrerà nel suo viaggio fantastico una donna, che con stupore della piccola Alice, si rivelerà essere lei stessa da grande”.
Tante le sorprese e i colpi di scena per uno spettacolo che scalderà il cuore di grandi e piccini che rifacendosi alla classica Alice nel Paese delle meraviglie riscrive la storia piena di spunti di riflessione.
“Alice è una bambina un po’ dispettosa, con due genitori che hanno già programmato la sua vita e che pretendono diventi la più brava in tutto-aggiungono le due autrici protagoniste sul palco insieme a Daniele Virzì e Leonardo Monaco-, sopraffatta dalle aspettative dei suoi genitori che non riescono a capirla, decide di scappare da loro e da Bianco, il suo babysitter, un ragazzo con un segreto: in realtà ha due orecchie da coniglio, che tiene sempre nascoste”.
“Quando Alice lo scopre decide di deriderlo, non accettando la sua diversità e ferendo i suoi sentimenti: Bianco scappa, in lacrime, ma mentre Alice cerca di inseguirlo, cade all’interno del grande specchio del salotto di casa, ritrovandosi catapultata in un mondo strano e bizzarro dove  incontrerà una donna-concludono le due autrici- che  stupirà la piccola Alice”.
A tutti i piccoli spettatori sarà offerta, come consuetudine, una particolare animazione prima e dopo lo spettacolo.
a Cognita Design production
Torna in alto